Rawiri Waititi

Rawiri Waititi ha vinto la sua battaglia per la difesa dei diritti della cultura indigena in Nuova Zelanda. Nei giorni scorsi Waititi aveva paragonato il codice di abbigliamento a “un cappio coloniale”, aggiungendosi al dibattito sull’eredità britannica del paese e si era presentato senza cravatta in parlamento.

Waititi era stato prontamente espulso dalla camera. Il politico, co-leader del Partito Maori di centrosinistra, aveva indossato un hei-tiki, un ciondolo tradizionale, invece della tradizionale cravatta. In un acceso scambio di battute sul codice di abbigliamento ufficiale con Trevor Mallard, il presidente della Camera, il deputato Waititi ha detto che indossava “abiti da lavoro maori”. “Non si tratta di legami,- ha gridato il deputato lasciando il parlamento- ma di identità culturale “.

L’intero episodio, che ha passato i confini della Nuova Zelanda, ha spinto una sottocommissione guidata dal signor Mallard a discutere se l’hei-tiki costituisse un abbigliamento da lavoro e a considerare di abbandonare la regola della cravatta. A seguito dell’acceso dibattito il parlamento della Nuova Zelanda è tornato su suoi passi e ha deciso che la cravatta non sarà più considerata obbligatoria. “Una vittoria per le generazioni future”, ha commentato Rawiri Waititi.

Il parlamento della Nuova Zelanda è il più inclusivo mai eletto nel paese. Quasi la metà dei 120 seggi in parlamento sono detenuti da donne. Ha una rappresentanza LGBTQI dell’11% e una rappresentanza Maori del 21%. Il parlamento ha visto il suo primo parlamentare di origine africana e dello Sri Lanka dopo le elezioni dello scorso ottobre.