Addio al Netflix per amici e parenti. Addio a quelle storiche condivisioni che vedevano un solo pagante e tanti parenti e amici fortunati condivisori del servizio. I bei tempi sono finiti. Presto il colosso limitera’ la condivisione dell’account. La risoluzione pare stia gia’ dando i suoi frutti alla piattaforma di streaming. Ma veniamo ai fatti. Nei giorni scorsi l’azienda ha annunciato che impedirà a persone che non convivono di condividere lo stesso account, cosa che è successa spesso tra gli utenti. Inizialmente era un ottimo motore per guidare l’appalto del servizio in modalità “due per uno”. Tuttavia, quell’era finirà.

Come risultato di questa determinazione, le azioni Netflix sono aumentate di circa il 3%: i giornali del gigante sono aumentati del 2,9% a 538,35 dollari al Nasdaq. Bank of America ha anche osservato che impedire la condivisione della password potrebbe favorire il numero di nuovi abbonati Netflix.

Non sono ancora state fornite informazioni precise sulle modalità di attuazione del programma pilota da parte dell’azienda. Una possibilità è che si prenda la posizione dell’utente come riferimento per impedire che venga praticato il fenomeno dell’account condiviso, che è così comune in Argentina come negli Stati Uniti.

Secondo un analista di Citigroup , Jason Bazinet, l’abitudine di condividere le password degli account online riduce i profitti delle aziende statunitensi di circa $ 25 miliardi all’anno. Bazinet stima che Netflix rappresenti circa il 25% di quella perdita di entrate, che rappresenta una buona parte delle entrate relative dell’azienda: ha guadagnato circa $ 25 miliardi nel suo ultimo anno fiscale. Per ora l’account può essere condiviso da un massimo di quattro utenti con il piano più costoso di tutti, una modalità che presto passerà alla storia. Per dimostrare la proprietà del servizio, Netflix invierà un’e-mail con un codice di verifica in modo che si possa continuare a guardare la programmazione.

Man mano che i servizi di streaming acquistano importanza, prevenire questa frode diventerà sempre più importante per gli azionisti.  Ma e’altrettanto vero che i prezzi di abbonamento dovranno essere piu’bassi e i servizi offerti dalla piattaforma pii competitivi.