Altare della Patria (foto depositphotos)

Come da consuetudine per il giorno della festa della Liberazione d’Italia dal nazifascismo, il Capo di Stato, Sergio Mattarella, si è recato all’Altare della Patria e ha deposto una corona al sacello del Milite Ignoto per ricordare i caduti in guerra.

Alla cerimonia presenti tutte le autorità del mondo della politica: il premier Mario Draghi, Maria Elisabetta Alberti Casellati, presidente del Senato, il presidente della Camera Fico e il ministro della Difesa Lorenzo Guerini. Dopo l’esecuzione dell’inno nazionale Mattarella ha deposto la corona. L’evento è stato chiuso con lo spettacolo del passaggio sulla capitale delle Frecce tricolore.

MATTARELLA: “UNITÀ E COESIONE PER RINASCERE”. “Unità e coesione“, questi sono gli “spiriti che guidarono la ricostruzione nel dopoguerra” per Sergio Mattarella, gli stessi che ci guideranno fuori dalla crisi data dalla pandemia di coronavirus. Le parole sono state spese dal presidente della Repubblica in un messaggio inviato, in occasione del 76° anniversario della Liberazione, alle Associazioni Combattentistiche e d’Arma.