Depositphotos

di Caterina Galloni

Virus in afrodisiaci a base di carne di scimmia, zuppa di pene di tigre e sangue di scimpanzé. Cibi illegali che potrebbero scatenare una nuova pandemia, peggiore del Covid. Esperti e attivisti hanno lanciato l’allarme. E riferito al Sun Online che il commercio mondiale di carne e di altre parti del corpo di animali selvatici potrebbe consentire a virus sconosciuti di essere trasmessi agli esseri umani. Mentre l’umanità continua ad espandersi, gli scienziati temono che gli animali selvatici siano uno dei maggiori volani di trasmissione di virus. E il genere umano gioca un ruolo pericoloso. Non solo entrando in contatto con animali che hanno i virus. Ma ancor di più mangiando la loro carne o prelevando alcune parti per le presunte proprietà proprietà medicinali o afrodisiache. Virus in cibi afrodisiaci con peni di tigre e corna di rinoceronte potrebbero scatenare una pandemia peggio del Covid - Le zoonosi, in cui un virus viene trasmesso dagli animali all’uomo, si stanno già verificando a un ritmo allarmante. Poiché gli esseri umani avanzano negli habitat degli animali e i cambiamenti climatici alterano i modelli migratori. La direttrice di PETA, Elisa Allen, al Sun Online ha spiegato come la richiesta di animali selvatici potrebbe portare a un’altra pandemia. “Dai peni di tigre alle corna di rinoceronte fino al sangue di scimpanzé. La richiesta di parti del corpo degli animali, per produrre falsi afrodisiaci, pozioni magiche, cosmetici, trofei o il consumo sta distruggendo le popolazioni selvatiche. “Se non mettiamo una fine, questo vile e crudele commercio potrebbe persino distruggerci tutti”. Cibi afrodisiaci con carne di animali selvatici, ecco perché potrebbero causare più problemi del Covid - Si ritiene che il commercio della carne di animali selvatici e i mercati umidi consentano ai virus di diffondersi a una velocità allarmante. Poiché gli animali sono stipati nelle gabbie. Il che significa che le malattie potenzialmente letali possono mutare mentre si incrociano tra le specie. Il Covid-19 potrebbe essere un esempio di ciò che si verifica. Nel mercato umido di Wuhan, il virus è forse passato dai pipistrelli, a un animale sconosciuto, agli esseri umani. Già è stato lanciato un allarme: la prossima pandemia potrebbe essere peggiore del Covid. In precedenza gli esperti hanno avvertito che l’umanità potrebbe andare incontro a una piaga peggiore della peste nera. Linda Saif, scienziata microbica, ha dichiarato al Sun Online: “I mercati con animali vivi, in cui sono presenti pipistrelli o altre specie, sono potenziali fonti di episodi di zoonotica. Non solo per i coronavirus, ma soprattutto per i virus influenzali di varie specie aviarie, compreso il pollame”. Animali in via di estinzione macellati e cucinati come piatti afrodisiaci - Gli animali in via di estinzione vengono macellati e le loro parti bollite con medicinali e spezie. Un esempio di cibo afrodisiaco è la zuppa di pene di tigre, in Asia considerata una prelibatezza che promette di aumentare la virilità maschile. Debbie Banks, ricercatrice senior sulla tigre presso l’Agenzia per le indagini ambientali, ha descritto la zuppa di pene di tigre come un prodotto di status, senza alcun valore farmacologico. Uno studio sull’International Journal for Parasitology ha scoperto che batteri e parassiti trasportati dalle tigri rappresentano un rischio significativo per l’uomo. Anche la carne di scimmia è considerata un prezioso afrodisiaco, i bracconieri prendono di mira scimpanzé e primati langur. Il gruppo di protezione della fauna selvatica PROFAUNA ha scoperto che a Giava, in Indonesia, un gruppo di bracconieri ha ucciso un langur a colpi di arma da fuoco per vendere la carne. Profauna ha spiegato che è ricercata dalla gente del posto. Crede che abbia proprietà afrodisiache. La carne di scimmia viene consumata anche in alcune parti dell’Africa centrale e in Cina. Le scimmie sono note come responsabili della diffusione agli esseri umani dell’HIV ed Ebola. Per bloccare un’epidemia di febbre gialla in Brasile gli scienziati vaccinano le scimmie del posto. Il corno di rinoceronte continua ad essere utilizzato in medicina dopo essere stato legalizzato in Cina nel 2018 e ogni anno circa 1.000 animali vengono macellati dai bracconieri. Cibi afrodisiaci con carne di animali selvatici, i rinoceronti sono portatori del virus della tubercolosi - È noto che i rinoceronti sono portatori della tubercolosi, che nel 2019 ha ucciso 1,4 milioni di persone. Gli scienziati si stanno muovendo velocemente per cercare di identificare gli animali. Quelli che vengono mangiati o usati nel commercio della carne – che potrebbero essere portatori di virus mortali. Secondo l’EcoHealth Alliance, su 1,67 milioni di virus sconosciuti sul pianeta, circa 827.000 potrebbero essere trasmessi dagli animali all’uomo. Influenza aviaria, SARS, MERS, Nipah e febbre gialla sono tutti esempi dei virus che hanno fatto lo spillover, il salto di specie.