La sede dell'Oms (foto depositphotos)

Il piano pandemico era ritenuto "troppo critico con l'approccio italiano" e "come emerge dagli atti della procura, dalle chat e dalle mail", il report sul Covid "è stato ritirato a seguito di pressioni cinesi, principalmente". Così l'ex funzionario dell'Oms torna ad attaccare la gestione dell'epidemia italiana di coronavirus.

L'ITALIA AVEVA UN PIANO: SI POTEVA FARE DI PIU'. Il medico veneto che, ricordiamo, è al centro di un'inchiesta condotta dal pm di Bergamo, invita a prendere in esame le date dello 'scoppio' del virus in Italia. "Il 21 gennaio l'Oms comunica di questo virus che si trasmette da uomo a uomo - afferma il medico -. L'Italia ha un piano pandemico, seppur datato al 2006 e mai aggiornato, ma ce l'ha", osserva Zambon in un'intervista rilasciata a Repubblica. "Penso che da quella data al 21 febbraio - continua - si potessero fare tante cose".

foto depositphotos)

TAIWAN HA AVVISATO L'OMS, MA L'ORGANIZZAZIONE HA IMPIEGATO VENTI GIORNI PER COMUNICARLO. Poi l'ex funzionario Oms passa all'attacco della gestione dal punto di vista internazionale: "Il 31 dicembre Taiwan ha captato autonomamente, perché non gli era stato notificato dalla Cina - sottolinea -, di questa nuova infezione data da un nuovo virus. Taiwan - che non è uno Stato membro Oms - lo stesso giorno in cui ha preso conoscenza della notizia - continua il funzionario italiano - ha allertato l'Organizzazione di una possibile trasmissione del suddetto tra uomo e uomo.

"L'Oms lo ha detto ufficialmente solo il 21 gennaio: dopo ben venti giorni", ha affermato il medico veneto. Questo perché "l'Oms non ascolta, per ragioni politiche, Taiwan che però, ad oggi, si è dimostrato uno degli Stati che ha avuto una reazione migliore al covid: conta, infatti, solo 12 vittime".

LA POLEMICA: OMS FA POLITICA O SI OCCUPA DI SALUTE? "La domanda che cerco di porre è semplice - conclude il medico -: l'Oms fa politica o si occupa di salute? Abbiamo il dovere di capire cosa è accaduto, cosicché di fronte alla prossima pandemia possiamo dare risposte migliori".