Depositphotos

Il monopattino diventa speciale grazie a un nuovo accordo tra Stati Uniti e Italia. Dagli USA Helbiz (società comunque fondata da un italiano, Salvatore Palella, divenuta simbolo mondiale della micromobilità) si è unita a un nome storico, Pininfarina e MT un'azienda della Motor Valley italiana, leader nella progettazione e produzione di soluzioni di micromobilità urbana.

Una nuova proposta partita da Helbiz che questa volta si avvale di una casa di design che ha scritto una parte di storia delle quattro ruote e che ora svilupperà un design coordinato e personalizzabile per una nuova gamma di veicoli elettrici mentre MT si occuperà della produzione degli stessi. Ci sarà una prima fase dedicata in particolar modo agli scooter utilizzati per la condivisione successivamente si passerà a quelli per la vendita al consumo. In entrambi i casi si avrà a disposizione uno scooter elettrico disegnato da Pininfarina, prodotto in Italia da MT e distribuito sul mercato da Helbiz. Un progetto globale che ha come obiettivo i mercati di Italia, Europa e Stati Uniti. Il Gruppo si avvarrà della professionalità di oltre 80 collaboratori in Italia e all'estero e avrà tre sedi: Bologna, Milano e Shenzen in Cina.

"Il design - ha spiegato Giuseppe Bonollo, senior vice presidente sales & marketing di Pininfarina - ha la capacità di essere innovativo sempre continuando a migliorare la qualità di vita. Pininfarina, che opera nei più svariati campi del design, è leader nei progetti pensati per la sostenibilità ambientale ed è anche particolarmente sensibile a quelle che sono le tendenze di mobilità urbana. Per questo motivo siamo entusiasti di proporre assieme a Helbiz e MT un modo nuovo di muoversi che vuole salvaguardare l'ambiente rendendo al tempo stesso le città a misura d'uomo".

Tre componenti, Helbiz, Pininfarina e MT, ognuna delle quali è leader nel proprio settore che adesso si uniscono per un progetto che non ha precedenti e che poi, anche da un punto di vista di produzione, si rivolge all'Italia. "Siamo orgogliosi e convinti di investire in Italia - ha confermato Emanuele Lietti, capo product officer di Helbiz - la nostra è la prima società di condivisione di micromobilità ad avviare uno sviluppo produttivo in Italia e con questa collaborazione porteremo globalmente il Made in Italy nelle città in cui siamo presenti".