foto depositphotos

Fa paura il primo di caso della nuova variante del Covid-19, l’Omicron arrivata in Italia solo da pochi giorni, dopo che è stato individuato un cittadino casertano positivo; l’uomo aveva viaggiato per lavoro tra Mozambico e Sud Africa, per poi rientrare in Italia. Sia lui che la sua famiglia sono in quarantena e in buone condizioni di salute ma per il ministro Speranza, “sono ore delicate” per il paese. "Questa nuova variante è un'ulteriore sfida”, afferma il Ministro. Per Speranza una cosa è certa, “Dobbiamo mantenere il massimo livello di attenzione e cautela. Abbiamo bisogno di tempo per potere studiare l'impatto di questa variante. La comunità scientifica internazionale è al lavoro”. Essenziale per il Ministro resta una capillare diffusione del vaccino, “Dobbiamo continuare la campagna di vaccinazione e seguire le norme essenziali, distanziamento, mascherina, lavaggio delle mani, che sono i pilastri per gestire una fase epidemica che ha numeri non semplici. I nostri numeri sono leggermente più bassi, ma non c'è alcun dubbio che siamo ancora in una fase delicata”, sottolineando però che "non sono all'orizzonte ulteriori provvedimenti. Seguiamo l'andamento e faremo valutazioni". Sui vaccini è intervenuta anche il ministro degli interni Lamorgese, “Con la nuova variante Omicron, la terza dose è ancora più importante, io la farò il 3 dicembre”. Ma per il Ministro non basta solo il vaccino, serve senso di responsabilità collettivo. “È importante la massima prudenza: mascherine e distanziamento. Ora più che mai bisogna essere molto collaborativi. I cittadini si sono sempre comportati con grande senso di responsabilità, occorre farlo ancora: se vogliamo vivere in serenità il periodo natalizio dobbiamo fare la nostra parte”. Una responsabilità che deve arrivare anche dalle Istituzioni, così come sottolinea la stessa Lamorgese, “Noi da parte nostra faremo tutti i controlli necessari. Avrò un incontro con i prefetti, il capo della polizia, i comandi generali di Gdf e Carabineri per predisporre un piano che poi i prefetti possano attuare nei territori".