Green pass (foto depositphotos)

Si è chiusa dopo due ore e mezza l’attesa riunione della cabina di regia a Palazzo Chigi per fare il punto sull’epidemia di Covid in Italia e valutare nuove misure utili al suo contenimento.

Insieme al premier Mario Draghi e ai capi delegazione dei partiti di maggioranza, presenti il presidente dell’ISS Silvio Brusaferro e quello del Consiglio Superiore di Sanità, Franco Locatelli. Individuato un nucleo di misure che saranno ratificate alle 17, quando è in programma il Consiglio dei ministri. 

CABINA DI REGIA, TUTTE LE MISURE

Il Green Pass, a partire dal prossimo 1 febbraio, avrà durata di sei mesi. La terza dose potrà essere somministrata non più dopo cinque, ma dopo appena quattro mesi dal completamento del ciclo vaccinale, previo approfondimento tecnico e dopo il via libera dell’Aifa. 
Disposto anche l’obbligo di mascherine all’aperto anche in zona bianca, peraltro già in vigore in varie regioni e località, e quello delle mascherine Ffp2 in cinema, teatri, mezzi di trasporto, stadi e palazzetti.
Fino al 31 gennaio è possibile l’estensione del Super Green Pass anche per entrare negli spazi chiusi di ristoranti e bar. Niente vendita di cibi e bevande in cinema, teatri, stadi e palazzetti. Disposto fino a fine gennaio il divieto di organizzare eventi e feste che implichino assembramenti all’aperto.
CABINA DI REGIA, LE ALTRE MISURE ALLO STUDIO
Possibile l’introduzione last minute di altre misure di contenimento, come l’estensione dell’obbligo vaccinale ad altre categorie di lavoratori come quelli della pubblica amministrazione, o quanto meno di introdurre il Super Green Pass. Inoltre, potrebbe essere introdotta l’obbligatorietà del tampone negativo per entrare in discoteche, locali e sale per feste a chi non ha ancora fatto la terza dose.