Vaccino (foto Depositphotos)

Sono oltre 5,6 milioni gli italiani che a oggi non hanno copertura contro il Covid. In termini assoluti, il numero più alto di non vaccinati è tra i 40-49 anni (1.221.454) e in quella 50-59 anni (1.038.570). Numeri ancora altissimi e difatti le parole del sottosegretario alla Salute Andrea Costa non sono proprio belle: “Mediamente il rischio di zona gialla colpisce, più o meno, tutte le Regioni. Credo che questo potrà essere certamente lo scenario in cui ci troveremo nelle prossime settimane”. Lo ha detto a Timeline, su Sky TG24, aggiungendo che “però, fortunatamente, questo sistema a colori condiviso con le regioni ci permette una gestione puntuale della situazione, e le misure che abbiamo adattato, dal Green pass alle ultime, ci permettono di garantire al nostro Paese ed alle nostre attività, anche di fronte ad una situazione che potrebbe peggiorare, di continuare a lavorare e di rimanere aperti. Ci saranno solo delle limitazioni per coloro che, liberamente, decidono ancora di non sottoporsi alla vaccinazione”. Intanto dal 27 dicembre la terza dose o dose booster sarà estesa ai giovani tra i 16-17 anni e gli adolescenti fragili tra i 12-15. Secondo il presidente dell’Iss Silvio Brusaferro le fasce di età più a rischio sono quelle tra gli 0 e i 9 anni e i 10 e i 19 anni: “In quasi tutte le regioni il valore Rt e’ superiore a 1 e questo giustifica il fatto che la circolazione del Covid nel nostro paese continua ad aumentare”. Anche l’Oms ha lanciato un nuovo allarme: la varante Omicron è già presente in 110 Paesi e nei Paesi comunitari si sta diffondendo ad una velocità che vede il raddoppio dei contagi in 2-3 giorni.