(foto Depositphotos)

La giuria di qualificazione ha assegnato il primo posto a "Caripe, un valle de sueños" di Donato Jesús Caraballo Di Battista; secondo premio "Un apellido olvidado", prodotto da Gabriele Bruttini e diretto da Ana Karina Monrro e terzo classificato "Antonio Infantino", di Anthony Infantino e Vicen Fernández Cazorla. Per la prima volta sono state assegnate cinque menzioni d'onore.

Le avventure e gli sforzi di chi è venuto alla ricerca di una nuova vita in Venezuela, terra dove ricominciare e contribuire con le proprie capacità e conoscenze allo sviluppo del Paese, hanno permeato il grande schermo durante la cerimonia di premiazione del Concorso di cortometraggi "Fare Cinema - El inmigrante italiano", tenutosi presso le strutture Cinex del Tolón Fashion Mall di Caracas, dove sono state riconosciute le tre migliori produzioni e sono state assegnate cinque menzioni d'onore alle opere dedicate al salvataggio della memoria delle donne e degli uomini usciti dall'Italia per realizzare i suoi sogni nella "Piccola Venezia".

Come nella sua prima edizione, il concorso si è svolto sotto l'egida del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale d'Italia, con l'organizzazione dell'Ambasciata d'Italia in Venezuela, del Consolato Generale d'Italia a Caracas, del Consolato d'Italia a Maracaibo, dell' Istituto Italiano di Cultura di Caracas, del COM.IT.ES, della Camera di Commercio Italo-Venezuelana (Cavenit), Società Dante Alighieri de Maracay e Fondazione Trasnocho Culturale.L'Ambasciatore italiano a Caracas, Placido Vigo, alla vigilia dei premi, ha dichiarato che "fin dall'inizio, questo concorso è stata una bella iniziativa per i giovani, i registi, gli appassionati di audiovisivi e coloro che amano l'Italia per partecipare e vincere un premio".

"La prima edizione è stata un successo: i primi due vincitori del premio sono stati anche premiati in un concorso internazionale in Italia e sono sicuro che quest'anno ripeteremo quel clamoroso successo, perché i 32 partecipanti hanno presentato un ottimo lavoro e i vincitori sono straordinari. Si tratta di una fantastica iniziativa che l'Ambasciata italiana, insieme a tutte le istituzioni del Sistema Paese in Venezuela, ripeterà il prossimo anno", ha promesso il diplomatico.

I MIGLIORI

In questa seconda edizione di "Fare Cinema" la giuria di qualificazione composta da 12 membri –membri del Sistema Italia in Venezuela, artisti, registi e personaggi dei media e dello spettacolo- ha deliberato sulle 32 produzioni partecipanti e ha deciso di premiare i primi tre posti, cinque menzioni d'onore e di annullare la categoria "Giovani Talenti".

Quest'anno il primo premio al Festival del Cinema con accento italiano è andato a "Caripe, Un valle de sueños", di Donato Jesús Caraballo Di Battista, che ha realizzato un documentario che riflette l'impegno degli immigrati italiani che si sono stabiliti in questa città dello Stato di Monagas per dedicarsi all'agricoltura, all'edilizia, alla meccanica e alla fornitura di servizi specializzati, nonché condividere i sapori della sua gastronomia e crescere come una famiglia.

Caraballo Di Battista, che ha inviato un sentito messaggio di gratitudine dalla sua casa nello Stato di Anzoátegui, ha ricevuto dall'Ambasciata d'Italia a Caracas il suo premio di 2.500 dollari USA e un attestato di primo classificato. "Mi sembra che queste siano storie molto belle, vanno raccontate e conosciute, perché sono esempi di progresso e di lavoro in un Paese che più che mai ne ha bisogno. Penso che (questo cortometraggio) non sia dedicato solo agli italiani di Caripe, perché sono il riflesso degli italiani in tutto il Venezuela, così come di altri immigrati arrivati o che stanno lasciando il Paese verso altre terre", ha espresso emozionato il regista nel suo video di ringraziamento.

PRIMO PASTIFICIO

Il secondo posto al concorso "Fare Cinema" è stato assegnato al cortometraggio "Un apellido olvidado", prodotto da Gabriele Bruttini e diretto da Ana Karina Monrro, che riflette sulle somiglianze tra la recente migrazione dei venezuelani in diverse parti del mondo e la storia della famiglia Milani, che con coraggio si è impegnata a fondare il primo pastificio in Venezuela, segnando un prima e un dopo tra i venezuelani.Cavenit e COM.IT.ES hanno consegnato il premio di U$ 1.500 al team di registi, che ha celebrato l'opportunità offerta loro dal concorso di migliorare il lavoro audiovisivo in Venezuela.

"Sono felice di aver visto il nostro corto sul grande schermo, alla presenza dell'Ambasciatore e degli sponsor, sostenendoci per continuare a fare questo tipo di contest che in futuro genererà molto di più", ha detto Gabriele Bruttini, che ha anche riconosciuto il lavoro di Ana Karina Monrro per realizzare la produzione. "Aver ottenuto il secondo posto in questa competizione è molto importante per me, sono uno studente di cinema ed è la prima volta che mostro un cortometraggio come regista. Spero che storie stimolanti continuino a essere raccontate attraverso il cinema ", ha aggiunto Monrro.

UN ARTIGIANO DEL LEGNOIl

cortometraggio "Antonio Infantino", prodotto da Anthony Infantino e Vicen Fernández Cazorla, si è aggiudicato il terzo posto a "Fare Cinema", per una storia incentrata sulla vita di questo immigrato che giovanissimo ha lasciato l'Italia per il Venezuela, Paese che gli ha permesso di raggiungere il successo dedicandosi al mestiere di intagliare il legno e creare oggetti con esso. Il racconto audiovisivo della volontà di questo falegname di realizzare i suoi obiettivi, realizzare i suoi sogni e lasciare un'eredità alle nuove generazioni della sua famiglia.I vincitori hanno ricevuto il diploma di riconoscimento e U$ 1.000 da Cavenit e dalla Società Dante Alighieri di Maracay. Dopo aver ricevuto il premio, Anthony Infantino ha ringraziato l'opportunità che questo concorso di cortometraggi ha aperto per raccontare "le storie e le esperienze di parenti stretti o noti immigrati italiani".

GLI SPECIALI

Questa seconda edizione del concorso si è distinta per la qualità dei racconti, così la giuria qualificata ha deciso di assegnare per la prima volta cinque diplomi di Menzione Speciale. Le opere sono state proiettate prima della cerimonia di premiazione e i loro registi hanno avuto l'opportunità di assistere alla prima ufficiale davanti al grande schermo. Tutti i vincitori hanno ricevuto in regalo una copia della Guida 2021 dell'Ambasciata d'Italia a Caracas.

La prima Menzione Speciale Fare Cinema è stata consegnata da "TONY Las posibilidades de andar", documentario realizzato da Camilo Paparoni, che racconta le avventure di un italiano che, attratto dal magnetismo dell'incertezza, arrivò da Napoli in Venezuela nel 1968 a 26 anni e si innamorò delle montagne di Merida.

Il cortometraggio animato "Panetteria Moratti", del giovane regista Kristopher Brijaldo Pérez, ha ottenuto la seconda Menzione Speciale per aver raccontato la storia di Alessandro e Fiorella, due fratelli orfani venuti in Venezuela e decisi a fondare un panificio come quello che i loro genitori avevano in Italia. Prima di avere successo, i fratelli hanno dovuto superare gli ostacoli che gli imprenditori devono affrontare.

Il fotografo e regista Ricardo Jiménez ha ricevuto anche una Menzione Speciale per "Gennaro", ritratto battezzato con il nome della sartoria di Gennaro Petraglia, emigrato giovanissimo in Venezuela nel 1966, per lavorare instancabilmente fino a diventare un sarto riconosciuto nel nostro Paese .

Il quarto riconoscimento speciale è stato per il cortometraggio di finzione "Hoy no es mi cumpleaños". L'audiovisivo scritto da Simón Carabaño e diretto da Stuart Rivas, si concentra su un anziano immigrato nello stato di Carabobo dopo la seconda guerra mondiale. Ed è a Valencia e in altre città dello Stato di Carabobo che questi migranti hanno lavorato con disciplina e forza per ricostruire le loro vite e lasciare le loro tracce.

Infine, la giuria ha assegnato anche una Menzione Speciale a "El inmigrante clásico", diretto e prodotto da Elizabeth Schummer, montaggio e post-produzione di Renzo Sicurella e Kaelys Betancourt, per lasciare una testimonianza visiva sulla vita e l'opera dello scultore Antonio D'Alessandro "Tony", che ha dedicato la sua vita alla creazione di opere d'arte per il Venezuela e la sua città natale di Scanno.

VOCI

Nicola Occhipinti, Console Generale d'Italia a Caracas, ha ricordato che l'Ambasciatore Placido Vigo ha avuto l'idea di indire in Venezuela il concorso "Fare Cinema" per diffondere la cultura italo-venezuelana e "dimostrare che gli italiani sono stati determinanti per la crescita socio-economica di questa nazione".

"Vogliamo fare i complimenti a tutti i partecipanti, in particolare ai tre vincitori di questa edizione, per le belle storie che hanno brillantemente raccontato sui traffici di immigrazione italiana in Venezuela. Queste opere toccano molto da vicino lo spirito di Cavenit, fondato nel 1954, proprio da molti di questi immigrati", ha affermato Patricia Attardi, vice tesoriere della Camera di Commercio Venezuelano - Italiana (CAVENIT).

"Questo festival cinematografico dedicato all'immigrazione italiana, sull'arrivo dei nostri genitori nel paese, ci permette di capire la storia, da dove veniamo, di sapere dove stiamo andando", ha affermato Carlos Villino, nuovo presidente di COM.IT.ES , che ha promesso di sostenere le prossime edizioni del concorso.I cortometraggi partecipanti "non parlano solo di Roma e di Caracas, in questi corti che abbiamo potuto vedere parlano di Basilicata, Puglia, Campania, Puglia, Abruzzo, Sicilia, Toscana, Veneto, Liguria, di tutte quelle regioni d'Italia. Raccontano di come sono arrivati attraverso i porti del Venezuela e sono stati capillarizzati nel Paese. Ci sono storie di Portuguesa, Lara, Yaracuy, Anzoátegui, Carabobo, Monagas, Aragua, Miranda, insomma il materiale storico è impressionante", riflette Mariano Palazzo, Presidente della Società Dante Alighieri de Maracay e membro della giuria.

Per il Direttore generale di Trasnocho Cultural e Direttore della programmazione del distributore Blancica, José Pisano, essere membro della giuria è stato un "lusso" per aver apprezzato tutte le opere partecipanti incentrate su storie di vita e premiando i migliori.

Alla cerimonia di premiazione era presente il regista Pedro Mercado, ideatore del cortometraggio "Me llamaban Pietro", vincitore della prima edizione di Fare Cinema nella categoria documentari e che faceva parte della giuria.

Per maggiori informazioni è possibile visitare i siti dell'Ambasciata d'Italia www.ambcaracas.esteri.it e Cavenit www.cavenit.com Allo stesso modo, puoi seguire gli account sui social network: Facebook: Camera di Commercio Italiana Venezuelana, Twitter: @ItalyinVEN, @Cavenit, @iicdecaracas - Instagram: @Cavenit.

Il cortometraggio audiovisivo "Caripe, una valle dei sogni" ha vinto il 1° posto nella II edizione del Concorso "Fare Cinema - The Italian Immigrant", questo pezzo è stato creato da Donato Jesús Caraballo Di Battista, originario dello stato di Anzoátegui, Venezuela.
Il cortometraggio audiovisivo "A Forgotten Surname" ha ottenuto il 2° posto nella II edizione del Concorso "Fare Cinema - The Italian Immigrant", questo pezzo è stato prodotto da Gabriele Bruttini e diretto da Ana Karina Monrro.
Il cortometraggio audiovisivo "Antonio Infantino" si è aggiudicato il 3° posto nella II edizione del Concorso "Fare Cinema - The Italian Immigrant", prodotto da Anthony Infantino e Vicen Fernández Cazorla