Riprendono i colloqui tra Russia e Ucraina. Dopo un momento di incertezza sulla data della ripresa dei negoziati e soprattuttto sul luogo dell’incontro, le parti hanno deciso di incontrarsi nell’area della foresta di Belovezhskaya Pushcha, nella regione di Brest, al confine tra Bielorussia e Polonia.

La delegazione ucraina ci arriverà questa mattina, come annunciato dall’ufficio del presidente Zelensky. I russi, invece, con il capo negoziatore di Mosca, Vladimir Medinsky, sono già sul posto. Sono stati proprio questi ultimi a confermare che il luogo per i negoziati è stato scelta di comune accordo con Kiev.

Per lo spostamento, l’esercito di Mosca ha fornito un corridoio di sicurezza alla delegazione ucraina. Dal canto suo, Kiev ha confermato che l’ipotesi di un “cessate il fuoco” sarà sul tavolo dei negoziati.

“Siamo pronti per la diplomazia ma non accetteremo alcun ultimatum” ha detto Dmytro Kuleba, Ministro degli affari esteri d’Ucraina. “Possiamo contrastare la pressione occidentale” la posizione dei russi.