È stata chiamata ‘El Chaco de ayer y de hoy’ ed è una mostra fotografica composta di ritratti e paesaggi catturati nel secolo XIX dall’antropologo, artista, commerciante, esploratore italiano Guido Boggiani con l’aggiunta di immagini contemporanee di Gherardo La Francesca e Luca Rugie.

L’esposizione, partita dal Paraguay, è a cura della ONG Museo Verde in collaborazione con Team Europea, l’Istituto Italo Latino Americano, la Società Geografica Italiana e l’Agenzia Italiana di Cooperazione allo Sviluppo. Durante tutto il 2020 la mostra si è fermata ad Asuncion, in Paraguay, Paese dove poi Boggiani venne assassinato durante una delle sue spedizioni scientifiche. Artista plastico, musicista, etnografo, linguista, mercante Guido Boggiani (1861-1901) fece parte del folto gruppo di esploratori europei che alla fine dell’800 attraversarono il sud del continente americano. Nei suoi tanti viaggi visitò anche il Gran Chaco, pianura grande tre volte l’Italia che si estende tra Argentina, Bolivia, Brasile e Paraguay. Nacque a Omegna, oggi nella provincia del Verbano-Cusio-Ossola, il suo primo viaggio in Argentina a 26 anni.