di Stefano Casini

Con l’arrivo di milioni di connazionali al Rio de la Plata in tanti momenti storici, il marchio “Italia” è sempre stato presente. Aldilá della Pizza e la Pasta, ci sono altri piatti che hanno fatto, del nostro paese, un punto di riferimento negli ultimi 200 anni. Uno di questi e molto famoso é la “Milanesa a la Napolitana”, un piatto tipico della gastronomia del Rio de la Plata, nata in Argentina, ma che fa parte anche dell’Uruguay. Si compone di una cotoletta alla milanese, solitamente manzo, cotta al forno per essere ricoperta come una pizza, con salsa di pomodoro e mozzarella, con l’aggiunta di vari ingredienti (come prosciutto, fette di pomodoro o cipolla). Generalmente viene servita con una guarnizione di patatine fritte.

In realtá, il nome del piatto non deriva dalla città di Napoli, ma dalla sua origine nel ristorante Nápoli che, negli anni ‘40 era diventato famoso per questa specialità nella capitale argentina, dove fu preparato e servito per la prima volta, nell’anno 1948 con il nome “Milanesa alla Nápoli”. Il ristorante Nápoli era di proprietà di Jorge La Grotta e si trovava a Buenos Aires, in via Bouchard, tra Corrientes e Lavalle, di fronte al famoso stadio di pugilato Luna Park. I discendenti di La Grotta hanno testimoniato che l’origine del piatto era la conseguenza di un connubio tra le usanze culinarie del sud Italia, come la pizza, con le usanze del nord, come la cottoleta alla milanese.

Era stato pensato come dare l’acqua in bocca al nord e al sud del nostro paese. Nella gastronomia argentina c’è anche una leggenda che racconta l’origine di questo piatto. Si “dice” che sia dovuta ad un errore del cuoco, che bruciò i milanesi e non rimase altro nel posto. Per non offendere il cliente, La Grotta ordinò al suo assistente di togliere il pangrattato bruciato e ricoprire la cotoletta alla milanese con salsa di pomodoro, prosciutto e formaggio, per poi gratinarla con un colpo di forno. La leggenda conclude dicendo che al cliente la nuova versione piacque così tanto che la inserì nel menu come specialità della casa.

I DIVERSI TIPI DI “MILANESA A LA NAPOLITANA”

Milanese di vitello napoletano. Forma classica del piatto. Milanese di vitello ricoperta di salsa di pomodoro e mozzarella, aggiungendo vari ingredienti, come prosciutto, fette di pomodoro, o cipolla.

Supreme Napoletano Filetto di petto di pollo preparato esattamente come la versione classica.

Suprema napoletana ripiena È come la suprema napoletana ma contiene un petto di pollo intero aperto in due, dove si puó introdurre mozzarella, prosciutto crudo, funghi, verdure, ecc.

Napoletana a cavallo È come un comune milanese napoletano ma con sopra un uovo fritto e spesso pancetta.

Napoletana completa É un piatto con contorno di patatine fritte e un paio di uova di gallina fritte.

“A la pan napolitana” Si tratta di un panino o panino della milanesa alla napolitana, cioè la milanesa cotta al forno insieme a formaggio e prosciutto e con salsa ma quasi sempre senza guarnizioni, inserita tra due fette di pane. Si possono aggiungere patatine greche, si possono aggiungere più salse (come la salsa golf) e un filo di patatine fritte a taglio lungo all’interno del panino. Di solito si usa un pane bianco chiamato in Argentina “pan francés”