Ucraina
Depositphotos

In Ucraina, Natale in guerra e sotto le bombe è inevitabile. È partita la "Fase 4". Ucraina sotto una pioggia di raid. La campagna militare russa si va intensificando. Spuntano i "droni kamikaze", piovono missili sugli ospedali, sulle cliniche, sulle infrastrutture energetiche . Kiev e Leopoli di nuovo sotto la tempesta dei missili da crociera. Gli hacker dello zar attaccano Bruxelles.

Una cosa è certa: il cerchio magico attorno al presidente Putin spezza ogni tentativo di mediazione. Prevalgono gli spietati che giustificano atrocità e i metodi disumani. In testa alla cricca c'è una vecchia conoscenza: è Andreij  Lugovoy deputato del "Partito Russia Unita", il partito che detiene la maggioranza alla Duma (la camera bassa del Parlamento russo).

Lugovoy è ricercato dalla giustizia britannica per l'omicidio dell'ex agente dei servizi segreti, Aleksander Livtinienko; il dissidente ex KGB, morto per avvelenamento da radiazione da polonio -210.  Bene, il falco di Mosca, l'altra sera in diretta su Canale 1 (la Tv russa, formidabile macchina di propaganda de regime) ha detto una delle sue.

Ha evocato la pena di morte "per Zelensky e i suoi". La Duma è con Putin. Per l'Ucraina "sarà il peggior inverno dalla seconda Guerra mondiale",  come dice il sindaco di Kiev, Vitali Klitschko.

È la fase dei razzi sui reattori. Si teme il peggio. La centrale nucleare di Zaporizhzhya – la più grande d'Europa – è sotto tiro. Ricapitolando.

FASE 1  (febbraio-marzo) –  Sono i giorni dell'attacco russo e della massima espansione. Lo zar delira:"L'Occidente ha un solo obiettivo, annientare la Russia, compiere un genocidio, come i nazisti".

FASE 2 (maggio) – Finlandia e Svezia entrano nella Nato, 13 maggio. Putin evoca l'uso della atomica. I russi prendono il grande impianto metallurgico di Azvostal con la battaglia di Mariupol; e  dopo un lungo assedio, il battaglione Azov (asserragliato nella gigantesca acciaieria) si arrende. Tranciante Putin:"Niente scambio di prigionieri ".

FASE 3 (settembre) –  Scatta la controffensiva ucraina. Lo zar si fa nuovamente sentire:"L'Occidente vuole tenerci sotto ricatto nucleare:ma anche noi abbiamo quelle armi e siamo pronti a usare ogni mezzo. Il mio non è un bluff ".

Ed è cominciato con l'avvertimento di Medvedev, il ventriloquo di Putin:"Noi a corto di armi? Continueremo, ce n'è per tutti". E lo zar ha scelto il 23 novembre  – la giornata che ricorda lo sterminio per fame degli ucraini (4 milioni) voluto  da Stalin e perpetrato tra il 1932 e il 1933 – per un eccezionale attacco con 77 missili lasciando milioni di persone senza elettricità, senza acqua corrente, ne' riscaldamento; nemmeno una fiammella di gas per cucinare.

E Zelensky davanti al Consiglio di sicurezza dell'ONU ha accusato Mosca di crimini contro l'umanità. Terribile il bilancio dei bambini: 440 morti, 323 dispersi, 847 feriti, 11.461 portati in Russia.  E non è finita qui. Purtroppo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome