Jens Stoltenberg (foto: @Ale_Mi - Depositphotos)

Nel giorno in cui la guerra in Ucraina tocca il suo drammatico 279esimo giorno (con Kiev che lancia l'allarme: "Navi russe con 84 missili nel Mar Nero e nel Mediterraneo"), il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ribadisce che le forze dell'alleanza atlantica sono "vigili" e "sosterranno Kiev fino alla fine, senza arretrare".

"Putin usa l'inverno come arma" ha aggiunto il diplomatico norvegese. Proprio alla Nato, intanto, si è rivolto Dmytro Kuleba, ministro degli affari esteri dell'Ucraina invocando l'invio di nuove "armi per la difesa aerea" e di "generatori elettrici". Tutto questo proprio mentre la Russia afferma che un dialogo per i negoziati "è impossibile" perché "è Kiev a rifiutarlo". Gli stessi russi hanno anche smentito di essere in procinto di lasciare l'impianto nucleare di Zaporizhzhia mentre, dal fronte ucraino, viene denunciato un nuovo attacco russo a Sumy. La stessa Russia ha anche fatto presente agli Usa che la politica di Washington verso un maggiore coinvolgimento nel conflitto porta il pericolo di una escalation.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome