Fabio Porta

FABIO PORTA:"Ancora una volta "Gente d'Italia" ci sorprende..."

Caro Direttore,

ancora una volta "Gente d'Italia" ci sorprende.

Positivamente, si intende.

Il quotidiano da te diretto, al quale il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha reso pochi mesi fa un giusto quanto meritato omaggio nel corso della sua visita in Uruguay, si arricchisce di un portale on-line che lo renderà ancora più utile alla grandissima comunità italiana che vive in Sudamerica ma anche nel resto del mondo.

Sì, perché le frontiere della rete e del web sono permeabili e difatti assenti, permettendo ai grandi protagonisti dell'informazione italiana all'estero di offrire un servizio importantissimo all'Altra Italia.

Un servizio del quale anche l'Italia dello Stivale si beneficerà; questo perché sempre più abbiamo bisogno di "informazione di ritorno" e questo lavoro in realtà "Gente d'Italia" lo ha sempre fatto.

Sono grato e riconoscente al tuo giornale per quanto ha fatto e per quello che ha rappresentato per gli italiani nel mondo e sono ancora più felice ed emozionato adesso, proprio perché questa nuova avventura editoriale coincide con una importantissima e delicata campagna elettorale che probabilmente costituirà uno spartiacque per le politiche per gli italiani all'estero e il sistema di rappresentanza che li riguarda.

Una fase storica che, ne sono certo, "Gente d'Italia" seguirà con l'attenzione e la professionalità che ti contraddistingue, Direttore, e che tu hai saputo trasmettere a tutti i tuoi collaboratori.

Allora ancora una volta grazie a Mimmo Porpiglia e a "Gente d'Italia", per esserci e per continuare a farlo nella maniera migliore, al passo con i tempi e con un occhio contemporaneamente rivolto a quanto avviene in Italia e tra gli italiani nel mondo.

La democrazia e la partecipazione sapranno riconoscere e valorizzare questo vostro sforzo, ne sono sicuro !

Fabio Porta

deputato Pd eletto America Meridionale

Candidato alle elezioni 2018 al Senato della Repubblica

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome