I tre italiani scomparsi in Messico

Non si hanno notizie da 18 giorni in Messico di tre cittadini italiani, tre venditori ambulanti napoletani scomparsi a Tecaltitlan, una cittadina a 700 km dalla capitale, Città del Messico, nel territorio dello stato di Jalisco. Lo denunciano i familiari degli stessi.

I tre scomparsi sono il 60enne Raffaele Russo, suo figlio Antonio di 25 anni e suo nipote Vincenzo Cimmino, di 29. La Farnesina sta seguendo il caso. Le ultime informazioni relative ai tre ambulanti risalgono ormai alla fine del mese di gennaio.

Smentita dalla polizia locale la notizia relativa al fermo di due dei tre ambulanti. Si teme un rapimento, anche se alla famiglia non è arrivata alcuna richiesta di riscatto. Le foto segnaletiche di Raffaele, Antonio e Vincenzo sono state pubblicate su diversi organi di informazione messicani, sotto la voce: "Desaparecidos".

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome