Il presidente uruguaiano Tabaré Vazquez

Il presidente uruguaiano Tabare Vazquez, insieme ai presidenti di Sri Lanka e Finlandia, al ministro della Salute russo e all'ex ministro federale del Pakistan, è stato posto dall'Organizzazione Mondiale della Sanità alla presidenza di una speciale commissione sulle malattie non infettive, responsabili ogni anno nel mondo dei decessi di 7 persone su 10.

Più di 15 milioni di persone all'anno tra i 30 e i 70 anni muoiono per le conseguenze di tumori, diabete e malattie cardiopolmonari, una cifra che va ridotta al più presto. Questa, almeno, è la missione di Vazquez e dei suoi colleghi nella commissione OMS.

"Le malattie non infettive sono il principale killer a livello mondiale che si potrebbe evitare, ma il mondo non sta facendo abbastanza per prevenirle e controllare", ha sottolineato il presidente dell'Uruguay. "C'è molto da fare nel proteggere le persone dal tabacco, dall'uso dannoso di alcol, dal consumo di cibi poco sani e bibite zuccherate. Inoltre, dovremmo poter assicurare i servizi sanitari per tutti".

La commissione sarà al lavoro fino al mese di ottobre 2019 ed avrà il compito di preparare inviti e raccomandazioni che possano essere recepite nella Terza assemblea generale dell'Onu sulle malattie non infettive. Il primo rapporto sarà formulato all'inizio di giugno.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome