Dopo il colossale Progetto Genoma Umano, nei laboratori di biologia tutto il mondo si prepara una nuova impresa, ancora più titanica: è l'Earth Bio Genome Project, che mira ad ottenere la mappa del Dna di tutti gli organismi viventi le cui cellule hanno un nucleo (eucarioti) vale a dire fra 10 e 15 milioni di specie tra animali, piante e funghi. Per raggiungere l'obiettivo serviranno almeno dieci anni, 4,7 miliardi di dollari e una capacità di archiviazione dati di oltre 200 milioni di gigabyte.

A indicarlo è la roadmap del progetto, pubblicata sulla rivista dell'Accademia americana delle scienze (Pnas) dai coordinatori del consorzio internazionale che lavorano presso l'Università dell'Illinois a Urbana-Champaign, l'Università della California a Davis e lo Smithsonian Institution di Washington. "Per la prima volta nella storia, è possibile sequenziare in modo efficiente il genoma di tutte le specie conosciute e usare la genomica per scoprire quell'80-90% delle specie che è ancora ignoto alla scienza", scrivono i ricercatori. "L'Earth Genoma Project - precisa uno dei coordinatori, l'entomologo Gene Robinson dell'Università dell'Illinois - ci darà una nuova visione della storia e della diversità della vita, aiutandoci a capire come conservarla".

Fino ad oggi sono state sequenziate meno di 15.000 specie, per lo più microrganismi. Lo sforzo dell'Earth Bio Genome Project si concentrerà su 10-15 milioni di specie di eucarioti, cioè organismi le cui cellule sono dotate di un nucleo dove è racchiuso il Dna: in pratica sono compresi tutti gli esseri viventi tranne i batteri e gli organismi unicellulari chiamati Archea, già protagonisti di un'altra iniziativa simile, l'Earth Microbiome Project.
La task force per mappare la vita sulla Terra richiederà una solida collaborazione tra governi, ricercatori, studenti e cittadini appassionati di scienza. Gli autori del progetto sperano di poter generare un indotto economico simile a quello del Progetto Genoma Umano, che per ogni dollaro investito ha prodotto un ritorno di 141 dollari.

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome