Un vero e proprio argine contro il dilagare delle fake news sul cancro. Nasce il primo portale contro le bufale in oncologia (www.tumoremaeveroche.it), realizzato da Fondazione AIOM e AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) e presentato oggi al Ministero della Salute. È lo spazio virtuale in cui i cittadini possono trovare risposte certificate a molte domande su cui negli ultimi anni presunti esperti (inclusi alcuni medici) hanno "elaborato" e diffuso teorie del tutto prive di basi scientifiche. "Nel 2017 - spiega Fabrizio Nicolis, presidente di Fondazione AIOM - quasi 9 milioni di italiani sono stati vittime di fake news nel campo della Salute. E il cancro è l'area della medicina più vulnerabile da questo punto di vista. Siamo partiti da un'analisi dello stato dell'arte: nel web e nei social circolano quasi 400 bufale su presunte cure alimentari, cibi ritenuti 'super' e da evitare inclusa la 'digiunoterapia', oltre 175 su cure alternative spaziando dai metodi Di Bella e Hamer all'uso del bicarbonato di sodio come rimedio fino alla 'terapia della gioia', più di 160 sulle cause del cancro, e almeno 85 su cosa si nasconda dietro la malattia per cui le neoplasie, ad esempio, regrediscono in maniera naturale".

LA PAROLE DI NICOLIS
"La diagnosi di tumore - continua Fabrizio Nicolis - cambia la vita di una persona: l'attrazione per le terapie 'non convenzionali' è alimentata dal timore e, talvolta, dalla vera e propria disperazione causati dalla diagnosi di malattia e chi promuove queste teorie sfrutta la ricerca di speranza da parte dei malati e dei loro familiari. Internet è lo strumento principale con cui i cialtroni fanno leva sulle aspettative dei pazienti: in particolare i social media non sono controllabili, non filtrano le notizie e troppo spesso attribuiscono credito a messaggi fuorvianti, le cosiddette fake news. L'approssimazione scientifica talvolta caratterizza anche i consigli che, in assoluta buona fede, i pazienti si scambiano utilizzando i social network. Contro la disinformazione, serve un'alleanza fra clinici, Istituzioni, cittadini e media". È vero che il veleno di scorpione è efficace contro il cancro? È vero che esistono cibi che consentono di prevenire i tumori? Il forno a microonde causa il cancro? È vero che esiste una cura contro i tumori ma viene occultata dalle case farmaceutiche? È vero che alla base dell'insorgenza di un tumore vi è un evento traumatico? Sono solo alcune delle domande a cui gli esperti del portale tumoremaeveroche.it, da oggi online, rispondono.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome