Paolo Prato Paredes

Torturato e ucciso in Messico. L’ultimo viaggio nel Paese centroamericano dove è nata la madre è risultato fatale a Paolo Prato Paredes, italo-messicano di 27 anni residente a Borghetto Santo Spirito, in Liguria.

IL FATTO.

Una settimana fa Paolo aveva accompagnato la madre, Martha Paredes, a fare alcune spese al Mercado Hidalgo di Puebla per poi allontanarsi una ventina di minuti perché curioso di dare un’occhiata al vicino Mercado Union, rinomato per traffici loschi di droga e oggetti rubati.

Da quel mercato, Paolo non è più tornato. La madre ha subito sporto denuncia, ma il giorno successivo ha ricevuto la più terribile delle notizie: sulla riva del fiume Atoyac a Cuautlancingo, nello Stato di Tlaxcala, sono stati ritrovati i resti di un cadavere avvolti in coperte e nascosti in sacchi di plastica.

Si trattava proprio del 27enne: i genitori (il papà è italiano) aspettano la restituzione del cadavere, poi dovranno decidere se tumularlo a Puebla o riportarlo in Italia.

L'ambasciata italiana a Città del Messico, in sinergia con la Farnesina, sta seguendo il caso fin dall’inizio per prestare ogni possibile assistenza ai familiari di Paolo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome