L'11 novembre 1918 alle 5.20 del mattino, nella radura di Rethondes, nella foresta di Compiégne, a nord di Parigi, Francia e Germania firmarono l'armistizio che mise fine alla Prima Guerra Mondiale. Per compiere un gesto storico il generalissimo delle forze armate alleate, il maresciallo Ferdinand Foch, scelse un luogo tranquillo, isolato ma vicino al fronte e alla città. La radura di Rethondes era il luogo perfetto. Un grande spazio circolare di cento metri di diametro nel quale si incrociano due linee ferroviarie utilizzate per il trasporto dell'artiglieria. Tutto avvenne in una carrozza ristorante, la numero 2419D, collocata al centro della radura, destinata a diventare il treno più famoso di Francia e d'Europa. Oggi è al centro delle commemorazioni del centenario, con la visita del presidente francese, Emmanuel Macron, e della cancelliera tedesca, Angela Merkel.

Il 4 novembre 1918 il ministro di stato Mathias Erzberger e il diplomatico Alfred von Oberndorf vennero inviati sul posto come negoziatori del governo tedesco per chiedere l'armistizio. L'8 novembre, ad accoglierli senza stretta di mano protocollare fu il maresciallo Foch. Alle 9 i protagonisti si sedettero nel vagone ristorante, dotato di gruppo elettrogeno e di tutti i mezzi di comunicazione dell'epoca. Alla delegazione tedesca che chiese le "proposte" delle potenze alleate per arrivare all'armistizio, con tono energico il maresciallo rispose: "Non ho proposte da fare. Volete l'armistizio? In tal caso ditelo!". I tedeschi acconsentirono, ed ascoltarono le condizioni stabilite dagli alleati, che menzionarono l'occupazione della riva sinistra del Reno. Foch stabilì come ultimatum l'11 novembre.

Nella notte tra il 10 e l'11 novembre i negoziatori tedeschi studiarono ciascuno dei 34 articoli della convenzione di armistizio, letta e poi tradotta. Alle 5.20 le due parti firmarono il testo, che entrò in vigore alle ore 11 dello stesso giorno, ponendo fine a quattro anni di combattimenti accaniti, il cui bilancio fu di 18 milioni di morti, di cui 1,4 milioni di soldati francesi e 2 milioni di militari tedeschi. Gli italiani morti, tra militari e civili, furono oltre un milione. La radura circolare di Rethondes si trova in fondo al "Vialetto trionfale" inaugurato nel 1922 - anno in cui il luogo venne allestito come memoriale - che ogni anno i capi di stato risalgono per la commemorazione. Una statua monumento del maresciallo Foch, istallata nel 1937, si affaccia sulla "Lastra sacra" collocata al centro della radura con sopra la scritta: "Qui l'11 novembre 1918, soccombette il criminale orgoglio dell'Impero tedesco fermato dai popoli liberi che pretendeva asservire".

Ventidue anni dopo Rethondes fu nuovamente al centro della storia franco-tedesca. Proprio per cancellare l'umiliazione del 1918, Adolf Hitler orchestrò una vera e propria messa in scena col famoso treno nel quale, a sua volta, fece firmare la resa ai francesi. Era il 22 giugno 1940 e Hitler immortalò la vittoria mettendosi in posa come il maresciallo Foch, con dietro di lui tanto di svastica al posto dei simboli del '18. Il regime nazista tedesco portò con sè il "vagone dell'armistizio", utilizzandolo a fini propagandistici prima di distruggerlo nell'aprile del 1945. Una riproduzione della carrozza è stata realizzata ed istallata nel museo-memoriale visitato ogni anno da 70mila persone, tra cui molti studenti.

Veronique Virgilio

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome