La giunta regionale lucana si è riunita e ha approvato una delibera che contiene la decisione di ricorrere alla Consulta. I contenuti dell'atto amministrativo non sono ancora noti.

Una alla volta le Regioni a guida centrosinistra passano dalle parole ai fatti sul decreto sicurezza.

Umbria, Toscana ed Emilia Romagna hanno deliberato il ricorso alla Consulta: la norma sarà impugnata per sospetta "incostituzionalità". Anche la Sardegna è pronta a compiere lo stesso passo: nelle prossime ore porterà in giunta la proposta. Ci stanno ragionando Piemonte, Sardegna, Umbria e forse anche Lazio.

Partita da un gruppo di sindaci, in testa Leoluca Orlando di Palermo - seguito dai primi cittadini di Napoli e Parma - la battaglia si è spostata alle Regioni che a differenza dei Comuni possono ricorrere direttamente alla Corte costituzionale, senza passare prima da un giudice.

Secondo i governatori, l'eliminazione dei permessi di soggiorno per motivi umanitari e del diritto di residenza ai richiedenti asilo sta creando 'caos' applicativo su materie di competenza regionale quali salute, assistenza sociale, diritto allo studio, formazione professionale, edilizia residenziale pubblica.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome