L'ultima di Donald Trump: tutela triennale per circa 800mila dreamer, gli immigrati entrati negli Stati Uniti da bambini al seguito di genitori irregolari, e per 300mila migranti con status di protezione temporaneo. In cambio: 5,7 miliardi di dollari per finanziare la costruzione del muro al confine col Messico.

La nuova proposta del presidente, nella sua crociata contro l'immigrazione negli States, non convince però il Congresso e in particolare le opposizioni. Da Nancy Pelosi un secco no: "Non è uno sforzo in buona fede, no ai negoziati finché c'è lo shutdown".

Proprio per porre fine all'esercizio provvisorio, Trump sta comunque intensificando gli sforzi e concedendo nuove - e impensabili - aperture sul tema. Basteranno per risolvere una questione sempre più spinosa che, anziché bloccare gli accessi clandestini, sta impantanando la politica americana?

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome