Da oggi (mercoledì 6 marzo) sarà possibile presentare le domande per il reddito di cittadinanza alla posta o ai caf (anche online per chi possiede lo Spid). Il rischio caos è dietro l’angolo e, per questo motivo, l'ad di Poste Pay, Marco Siracusano, suggerisce agli utenti di presentarsi in ordine alfabetico agli sportelli per evitare l'affollamento del primo giorno.

A Roma si sta valutando l’ipotesi di far presidiare gli uffici postali dalle forze dell’ordine per ridurre al minimo disagi e possibili tensioni.

Intanto l’Inps ha fatto sapere che potrà trasmettere a Poste Italiane il flusso degli ordinativi di accreditamento sulle card già dal 15 aprile prossimo, in anticiporispetto a quanto programmato (secondo i caf le prime risposte sarebbero arrivate dal 26 aprile e i primi pagamenti a maggio).

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome