(foto Depositphotos)

Accusata di atti sessuali con l'adolescente, all'epoca minore, e di violenza sessuale per induzione, avrebbe "soggiogato" la vittima con ricatti e minacce.

Gli diceva che, se l'avesse rifiutata, si sarebbe tolta la vita. "Non ce la faccio ad amare a senso unico", è il messaggio che gli manda il 14 febbraio. E ancora, quando il ragazzo le dice di amarla, lei subito gli scrive che si separerà dal marito. Gli risponde "Sto meglio perché so che mi ami" e gli chiede se sia contento della sua decisione di divorziare. Risposta: "Forse è più intrigante se resti con tuo marito". E allora nuove accuse da parte dell'infermiera: "Mi vuoi solo come amante", con il ragazzo che dice: "Non so ancora come andranno le cose".

Tutto questo mentre arriva la conferma dal test del Dna sul primogenito della donna, che ha più di dieci anni: è di suo marito. L'esame del Dna era stato già eseguito sul secondogenito (che l'indagata ha partorito alcuni mesi fa), e ha confermato che il padre del neonato è il ragazzo a cui dava ripetizioni, che ora ha 15 anni.

Il marito della donna è indagato dalla procura di Prato per l'ipotesi di reato di alterazione di stato civile perché, secondo l'accusa, avrebbe riconosciuto il neonato pur sapendo che il padre era il 15enne.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome