Una bella notizia anche per i tanti produttori di vino di origine ligure e piemontese dislocati nel territorio dell’Uruguay. Per loro c’è la possibilità di rifare vivere un antico vitigno, il ruzzese. Era in estinzione, ridotto a pochi vitigni ad Albenga, salvati per miracolo. Ora il ruzzese sta tornando a vivere sui colli liguri.

Siamo a San Giorgio, sopra Bonassola, a poco meno di 400 metri d’altezza sul mare: nell’azienda Cà du Ferrà sta maturando l’uva pregiata del ruzzese. L’antico vitigno autoctono, un tempo tipico della zona delle Cinque Terre e delle colline del Levante, trova finalmente la sua rinascita in questa azienda grazie ad un progetto di recupero sostenuto dalla Coldiretti della Spezia, Regione Liguria e Cnr di Torino.

Il vitigno nel tempo era pian piano scomparso prima a causa della bassa produttività in seguito per l’arrivo della fillossera, un micidiale insetto parassita, che si diffuse e aggredì le colture liguri tra la fine dell’Ottocento e gli inizi del Novecento. “Perdemmo centinaia di ettari in tutta Europa e la Liguria fu una delle zone più colpite. In soli 15 anni si persero milioni di ettolitri di produzione” spiega Davide Zoppi, titolare dell’azienda agricola e artefice del progetto di recupero, sostenuto anche dalla condotta Slow Food La Spezia - Golfo dei Poeti.

Il primo Seminario sul progetto “Recupero della Biodiversità attraverso il Reimpianto del vitigno Ruzzese”, finanziato dal programma di sviluppo rurale 2014- 2020 della Regione Liguria, si era tenuto nel 2017 proprio a Bonassola. E da allora è decollato in alcune aziende specializzate, tra cui, appunto, Ca du Ferrà, un luogo magico dove si possono effettuare visite alle vigne e alla cantina, picnic con wine tasting dei vini prodotti e persino matrimoni tra i filari con vista a mare. “Con questo vitigno si faceva il celebre passito storico delle Cinque Terre, lo Sciacchetrà - ha raccontato Zoppi - e si narra la Marchese di Villa Durazzo di Genova per lenire la disperazione dei contadini abbia portato qui dalla Val Polcevera i tralci presi dal vitigno ‘bosco’ che si è anche dimostrato adatto all’appassimento e progressivamente ha sempre di più soppiantato le altre vigne”.

Grazie all’istituto nazionale di protezione sostenibile della vite il dna del ruzzasse è stato recuperato. “Abbiamo impiantato quattro anni fa 77 barbatelle e oggi, cooperando con due vivai piemontesi e due toscani, siamo arrivati a un totale 1500”ha aggiunto il giovane agricoltore. Nel progetto di recupero ci sono altri filari autoctoni e ormai diventati rari che qui trovano nuovi spazi: il Rossese Bianco, il Picabon e l’Albarola Kihlgren. L’azienda ha, inoltre, lavorato nel recupero delle terre incolte, mettendo a coltura vari appezzamenti nei comuni di Bonassola, Levanto, Vernazza e Riomaggiore, da 50 anni in stato di abbandono, dove nascono vini biologici dai nomi romantici come il Bonazolae, il Luccicante e il passito L’Intraprendente.

Oramai in Liguria gli operatori biologici sono più di 400 per circa 3900 ettari di superficie coltivata. A livello regionale la distribuzione territoriale degli operatori biologici evidenzia una prevalenza in provincia della Spezia con circa 130 produttori a fronte delle altre province con circa 90-110 operatori. Un sistema di qualità della vitivinicoltura ligure che si esprime in otto Denominazioni di Origine: Ormeasco di Pornassio, Rossese di Dolceacqua, Riviera Ligure di Ponente, Val Polcevera, Golfo del Tigullio-Portofino, Colline di Levanto, Cinque Terre, Colli di Luni e in quattro Indicazioni Geografiche, Liguria di Levante, Colline del Genovesato, Colline Savonesi, Terrazze dell’Imperiese.

A questi vitigni “tradizionali” si aggiunge il recupero in corso di diverse varietà autoctone minori a bacca bianca e rossa di particolare valore enologico fra cui Ruzzese, Moscatello di Taggia, Barbarossa, Massaretta, Bruciapagliaio, Picabon, Fratepelato, Vermentino nero.

di MARCO FERRARI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome