E' stato con il brano  vincitore dell'Oscar 1999, come migliore colonna sonora per il film ''La vita è bella'', che il maestro Nicola Piovani ha voluto concludere il suo concerto a Bucarest.

Organizzato dall'Istituto Italiano di Cultura, in collaborazione con l'Ambasciata d'Italia in Romania, il concerto ''L'Italia nell'energia della Musica'' si è tenuto presso la Sala Auditorium del Museo Nazionale di Arte di Bucarest. Piovani ha proposto un racconto musicale narrato da pianoforte, contrabbasso, percussioni, sassofono, clarinetto, chitarra, violoncello e fisarmonica, dove la musica si è integrata perfettamente con le immagini tratte dai più famosi film della storia cinematografica italiana, per cui il Maestro ha composto le colonne sonore, come: ''L'intervista'' e ''Ginger e Fred'' di Federico Fellini, ''Speriamo che sia femmina'' e ''Il Marchese del Grillo'' di Mario Monicelli.

Nel corso della serata l'Ambasciatore Marco Giungi ha consegnato a Piovani il premio ''Leonardo the Immortal Light 2019'' per la musica e al Presidente della Ducati Energia Romania, Guidalberto Guidi, il premio ''Leonardo The Immortal Light 2019'' per l'ingegneria energetica, attribuitogli dal Comitato per l'Unicef di Firenze.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome