Non c'erano troppi dubbi, a dire il vero, ma sono arrivate le conferme ufficiali: i resti ossei ritrovati lo scorso 28 agosto all'interno di una caserma di Montevideo appartengono a un militante del Partito Comunista dell'Uruguay.

Si tratta di Eduardo Bleier, "desaparecido" nel 1975, e l'annuncio è stato dato dal figlio Gerardo, che attraverso le pagine del portale Subrayado ha dichiarato di essere stato informato personalmente dal presidente Tabaré Vazquez.

La caserma dove sono stati ritrovati i resti di Bleier, e di altri militanti spariti nel corso della dittatura militare in atto dal 1972 al 1985, funzionava come centro di detenzione clandestino.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome