La carbonara (foto The Fork)

Italia e pasta: un binomio per tanti inscindibile, ma com’è percepita oggi la pasta dagli italiani? In occasione del World Pasta Day, che si celebra il 25 ottobre TheFork, tra le principali app per la prenotazione di ristoranti nel mondo, ha collaborato con BVA Doxa, società di ricerche di mercato internazionale, per uno studio su questo tema.

Per il 60% del campione intervistato la pasta evoca una sensazione di piacere. Altre sensazioni positive evocate sono la felicità e l’energia (34% e 26%). Per circa un terzo dei Millennials, mangiare pasta è invece associato a un’abitudine.

Sensazioni associate alla pasta

Per quanto riguarda le forme di pasta più amate, al primo posto troviamo a pari merito penne e spaghetti (70% del campione). In particolare le penne sono preferite dagli uomini e dagli under 55 (circa il 70% del campione), mentre per i Baby Boomers (55 – 64 anni) lo spaghetto è il più amato (77%). Le farfalle sono gradite soprattutto dalle donne (31%) e dagli under 55 (26%).

Consumo formati di pasta

Parlando infine di ricette di pasta preferite, il 33% degli italiani mette sul gradino più alto del podio la carbonara. Al secondo posto si posiziona il ragù (25%), apprezzato specialmente al Sud e nelle Isole. Medaglia di bronzo per un grande classico come il sugo pomodoro e basilico, preferito dai Baby Boomers. L’amatriciana, il pesto e la cacio e pepe, fanno registrare un minor numero di preferenze, probabilmente per le connotazioni più regionali.

Le ricette preferite

 

Ecco una selezione dei migliori ristoranti raccomandati da TheFork in base alle recensioni dagli utenti in cui gustare un buon piatto di pasta:

 

Ristorante Nabucco, Milano per una pasta fresca pomodoro e basilico

Sotto La Mole, Torino per un piatto di Tajarin con ragù di coniglio e fave

Casa Prati, Roma per dei rigatoni alla carbonara come vuole la tradizione

Au Café, Genova per un piatto di trofiette al pesto genovese

Salotto Nunziata, Napoli per dei paccheri di Gragnano, aglio, olio e chili a filetti, mantecati al caciocavallo podolico

La Locanda del Gusto, Palermo per un piatto di Busiati ai profumi di Pantelleria con pomodoro secco, capperi, olive e mandorle tostate

Mavì Cafè Bistrot, Bari per dei tipici spaghetti all’Assassina

I Carracci, Bologna per un piatto di tagliatelle al ragù a punta di coltello

Hostaria Osottoosopra, Venezia per degli gnocchi di patate, baccalà e patè d’olive

Il Ricettario, Firenze per provare dei pici all’etrusca

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome