Oggi, "Festa dei Morti", per i cristiani rappresenta un'occasione per omaggiare i propri defunti. Lungo lo Stivale infatti, esistono modi molto diversi per "festeggiare" questa ricorrenza. In alcune zone della Lombardia, la notte tra l'1 e il 2 novembre molte persone mettono in cucina un vaso di acqua fresca per far dissetare i morti. In Friuli invece si lascia un lume acceso, un secchio d’acqua e un po’ di pane. In Trentino le campane suonano per richiamare le anime e entro casa viene lasciata una tavola apparecchiata e il focolare accesso per i defunti. Lo stesso capita in Piemonte e in Val d'Aosta.

Sempre per "rifocillare " i defunti, in Liguria vengono preparati i bacilli (fave secche) e i balletti (castagne bollite). In Umbria si preparano gli stinchetti dei morti, dolci a forma di fave. In Abruzzo, oltre al tavolo da pranzo apparecchiato, si lasciano ancora oggi tanti lumini accesi alla finestra quante sono le anime care. Ma un tempo era anche tradizione scavare e intagliare le zucche e inserire una candela all'interno e usarle come lanterne, proprio come ad Halloween. A Roma la tradizione voleva che il giorno dei morti si tenesse compagnia a un defunto consumando un pasto vicino alla sua tomba.

In Sicilia il 2 novembre è una festa con molti riti per i bambini. Se i più piccoli hanno fatto i buoni, riceveranno dai morti i doni che troveranno la mattina sotto il letto: si tratta di giochi ma soprattutto di dolci, come i pupi di zuccaro (le bambole di zucchero). Si preparano anche gli scardellini, dolci fatti di zucchero e mandorle (o nocciole) a forma di ossa dei morti e si mangia la frutta martorana, fatta di pasta di mandorle colorata. I risultati sono davvero incredibili e le vetrine delle pasticcerie uno spettacolo da vedere.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome