(foto depositphotos)

Gli Stati che, in modo più o meno restrittivo, hanno messo il nostro Paese in una sorta di black list si sono moltiplicati. E con essi le compagnie aeree che hanno deciso di sospendere o ridurre i voli da e per l'Italia. È un quadro in costante evoluzione, e il consiglio – per chi deve mettersi in viaggio – è quello di preventivare eventuali nuovi disservizi. Intanto, la situazione attuale è quella che andiamo a descrivere.

COMPAGNIE AEREE Da ieri, primo marzo, American Airlines ha cancellato fino al 24 aprile i due voli da e per Milano Malpensa verso l’aeroporto John Fitzgerald Kennedy di New York e verso quello di Miami. La British Airways è stata una delle prime compagnie aeree a sospendere alcuni voli da e per l’Italia. E nelle ultime ore ha confermato che questa sospensione – inizialmente prevista fino all’11 marzo – è stata prorogata fino al 28 marzo. Anche l’altra compagnia britannica, EasyJet, ha deciso di sospendere alcuni collegamenti con l’Italia: "Abbiamo registrato un significativo calo della domanda e dei fattori di riempimento da/per le nostre basi del Nord Italia", hanno scritto in una nota. "Stiamo assistendo a un indebolimento della domanda anche negli altri mercati europei in cui operiamo. Di conseguenza, saremo costretti a cancellare alcune frequenze, in particolare su rotte da e per l’Italia, pur continuando a monitorare la situazione e adattando il nostro programma di voli alla domanda". La belga Brussels Airlines ha ridotto di circa il 30% i suoi collegamenti con il nostro Paese (e più in particolare quelli per Linate, Malpensa, Roma, Venezia e Bologna), fino al prossimo 14 marzo. El Al Israel Airlines ha annunciato che sospenderà i voli verso l'Italia e la Thailandia a causa della diffusione globale del coronavirus. La sospensione, che riguarda anche le tratte per Milano e Roma, durerà fino al 14 marzo, mentre i voli per Bangkok saranno interrotti fra oggi al 27 marzo, spiega la compagnia. Stessa decisione per Bulgaria Air, che ha sospeso i collegamenti con Milano fino al 27 marzo. Sospesi alcuni voli che collegano la città meneghina con Stoccarda e Dusseldorf, in Germania: la decisione è stata presa da Eurowings, a fronte di un drastico calo dell'offerta. La compagnia giordana Royal Jordanian ha cancellato fino a data da destinarsi tutti i collegamenti tra Amman e Roma.

PAESI CHE HANNO BLOCCATO GLI INGRESSI Sul fronte delle decisioni istituzionali, invece, l’elenco dei Paesi che di fatto hanno bloccato i confini continua ad allargarsi: a oggi, quelli che vietano l'ingresso agli italiani o a chi è stato in Italia nelle ultime due settimane sono Arabia Saudita, Iraq, Kuwait, Israele, Libano, Giordania, Bahrein, El Salvador, Mauritius, Turkmenistan, Capo Verde e Seychelles.

CHI METTE GLI ITALIANI IN QUARANTENA Poi si sono quelli che, invece, hanno deciso di mettere in quarantena chiunque arrivi dall'Italia. E attualmente sono: Cina, Eritrea, India, Taiwan, Tagikistan, Kazakhistan, Romania e Kirghizistan. Per quanto concerne la Romania, in realtà, la situazione è leggermente differente: quarantena per chi arriva dai posti più caldi di Lombardia e Veneto (ipotesi, per altro, non percorribile, essendo in isolamento territoriale già in Italia). Mentre per tutti gli altri in arrivo dall’Italia è previsto un isolamento volontario domiciliare di 14 giorni. Isolamento che chiedono, a chi arriva dalle regioni del Nord Italia, anche Malta, Estonia e Bulgaria. Chi controlla a bordo degli aerei - Ed è lunghissimo anche l’elenco dei Paesi che hanno predisposto controlli a bordo degli aerei per i passeggeri che provengono dall'Italia: lo fanno in Bielorussia, Brasile, Cile, Cipro, Colombia, Croazia, Cuba, Ecuador, Germania, Grecia, Libano, Moldavia, Marocco, Repubblica Ceca, Slovacchia, Ucraina e Ungheria. In Lituania, invece, i controlli sono solo per i passeggeri provenienti dalle regioni del Nord della nostra penisola.

ALTRE MISURE Le misure sono in evoluzione e cambiano ora dopo ora. Al momento ci sono Paesi come il Regno Unito, l'Irlanda e il Lussemburgo che chiedono a chi arriva dal Nord dell'Italia e presenta sintomi di influenza un auto-isolamento di 14 giorni. Gli Stati Uniti, invece, hanno fatto sapere che stanno valutando il da farsi, ma al momento non sono state prese decisioni in merito.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome