L’Europa, e da ieri anche l’Inghilterra e’ chiusa. Traffico aereo, trasporti di ogni genere ridotti all’essenziale. Paralisi totale, ma per quanto tempo? Un interrogativo che fa tremare i leader europei. I blocchi e salvataggi da miliardi di euro sono rimedi che possono offrire solo soluzioni a breve termine. E questo i capi di governo europei lo sanno. Giorni difficili in cui i governanti sono costretti a gettare un occhio al calendario cercando di calcolare tra quanto tempo dovranno dire alle persone di tornare al lavoro. Per ora una cosa e’ certa le date che ciascun paese si era dato come fine del blocco totale, verranno certamente prolungate. E non si sa fino a quando. Impossibile prevedere una data.

È il presidente francese Emmanuel Macron che ha esposto piu’ onestamente il grande dilemma di questi giorni. La sfida e’ bilanciare misure come l'autoisolamento e il distanziamento sociale insieme alla necessita’ imminente di mantenere l'economia attiva. "È impossibile vivere - anche in autoisolamento - e curare le persone, se non continuiamo l'attività economica che, abbastanza semplicemente, ci permette di vivere in questo paese ", ha affermato recentemente Macron presiedendo una" task force economica "che si occupa dell'epidemia.

Macron è stato forse l’unico leader europeo ad avvertire chiaramente le persone che un vaccino non è imminente e probabilmente non arriverà fino alla fine del 2021. Il messaggio dunque è chiaro: non sarà possibile per le persone rimanere a casa fino alla data della circolazione di un vaccino efficace contro il coronavirus. Un compromesso atroce. Da un lato, le misure di allontanamento sociale possono minimizzare il contagio e il bilan cio delle vittime, ma causeranno una profonda depressione economica che indebolirà le entrate del governo che pagano per i servizi e le utilità di sanità pubblica. Poi si pone il problema dei paesi meno sviluppati con il probabile scenario di rifiuti non raccolti, mancanza di approvvigionamento idrico e energia intermittente potrebbero rivelarsi pericolosi quanto il virus.

Il problema è che, non appena i blocchi saranno tolti, le infezioni e i decessi saliranno di nuovo. "È un atto di bilanciamento molto difficile", ha dichiarato Mujtaba Rahman, direttore europeo di EurasiaGroup, una società di consulenza in materia di rischi politici. "Per ora nessun governo ha una strategia di uscita credibile". Macron è stato il primo leader dell'UE ad ammettere che nessuno sa "per quanto tempo dovremo mantenere questa riduzione dei contatti sociali". Questo perché l'estrema distanza sociale vista in L'Italia, la Spagna, la Francia, il Belgio e altri paesi dell'UE non faranno scomparire la pandemia, ma potranno solo rallentarla nel tentativo di evitare che gli ospedali vengano sopraffatti. La ricerca dell'Imperial College di Londra, mostra che epidemiologi e medici ritengono che anche le misure più radicali di distanziamento sociale possano fornire solo un sollievo temporaneo.

Non appena i governi solleveranno le misure, come sta facendo la Cina per salvare la sua economia, i casi esploderanno di nuovo, ha affermato Christian Drosten, un virologo tedesco che ha sviluppato il test del coronavirus e ha consigliato al governo tedesco di contenere la malattia. "Come medico addestrato all'epidemiologia delle malattie infettive, posso solo dire la stessa cosa che dicono anche tutti i miei colleghi ", ha affermato" Con la rinascita della vita pubblica, anche le infezioni riprenderanno. " Gli esperti concordano sul fatto che un vaccino sarà disponibile solo tra un anno o più. Ma mantenere il social-distanziamento per quella durata sarebbe insostenibile e probabilmente si tradurrebbe in una depressione globale.

L'OCSE prevede che la crescita globale rallenterà al 2,4 per cento nel 2020 a causa della pandemia, in calo rispetto al 2,9 per cento previsto per l'inverno scorso. Sotto uno "scoppio di coronavirus più duraturo e più intenso" che si sta diffondendo negli Stati Uniti e in Europa, la cre scita globale scenderà all'1,5 per cento. Uno studio del Ifo Institute di Monaco, pubblicato nei giorni scorsi, stima che le perdite economiche in Germania potrebbero variare dal 7,2% del PIL per un periodo di interruzione di due mesi al 20,6% in uno scenario peggiore per un'interruzione di tre mesi. "I politici sono attivamente impegnati a chiudere le grandi economie.

Ecco perché l'entità della recessione che stiamo osservando nella zona euro potrebbe essere del 10 percento del PIL, forse anche di più ", ha detto Rahman. Ad un certo punto, potrebbe semplicemente diventare insostenibile mantenere le restrizioni di massa. A Modena, in Italia, nove detenuti hanno perso la vita in un tumulto in prigione, alcuni per overdose, poco dopo l'istituzione di misure di blocco nella provincia. Le rivolte, poi, si sono diffuse a catena in altre carceri di Venezia, Milano, Bologna, Roma, Rieti, Napoli, Meli, Palermo. In tutta Italia, l'esercito è ora schierato per sorvegliare le misure di allontanamento sociale. La Cina ha scelto di rinunciare alle forme più radicali di contenimento e di dare priorità alla crescita economica nei prossimi mesi. "Quello che sta succedendo in Cina ora ... è che le aziende stanno tornando al lavoro", ha detto Drosten. "Abbiamo visto che le misure di quarantena hanno causato così tanta sofferenza economica che devono essere ritirate / ridotte."

"Quello che vedremo ora ... è che nelle prossime settimane e mesi esploderanno di nuovo in Cina altri casi ", ha aggiunto. Ha avvertito che Pechino probabilmente cercherà di tenere nascoste le nuove ondate. "Non vedremo altri casi affidabili dalla Cina nel prossimo futuro", ha detto che Pechino "vuole che il problema venga risolto ora in Cina. Ma ovviamente non sarà risolto." Per l'Europa, questo significa che i governi dovranno presto decidere come procedere e comunicarlo alla loro popolazione. Nei paesi in cui i blocchi sono appena iniziati, la domanda su "cosa ora" sta rispondendo in modo frammentario. La Francia sta inviando un doppio messaggio. Anche se il governo ordina alle persone di rimanere a casa, sta già emettendo chiamate per tornare al lavoro e incoraggiando le aziende a emettere un pagamento una tantum fino a € 1.000 a coloro che lo fanno. Invito tutte le federazioni, tutte le grandi aziende ... a pagare questo premio di € 1.000 totalmente esentasse ai propri dipendenti ", ha dichiarato venerdì il ministro dell'economia Bruno Le Maire. Come a dire state a casa ma se volete tornare a lavoro avrete un premio...In Italia, il paese più colpito, il primo ministro Giuseppe Conte ha annunciato che il blocco – la cui fine era prevista per il 25 marzo – e’ stato esteso, ma senza una data di fine. Finora la produzione non si è fermata. Dopo che gli scioperi spontanei si sono moltiplicati nelle fabbriche e nei cantieri navali mentre i lavoratori temevano il contagio, i sindacati hanno negoziato un protocollo di sicurezza per i lavoratori con il governo e i datori di lavoro, ma la questione non è ancora stata risolta.

Domenica scorsa il governo italiano ha emesso un nuovo decreto in vigore da lunedì, ponendo fine a tutte le attività economiche "non essenziali", per reprimere ulteriormente la diffusione del virus. In risposta, i sindacati hanno minacciato uno sciopero generale poiché l'elenco delle attività consentite comprende la produzione di trattori e la fabbricazione di prodotti del tabacco, attività che sostengono non dovrebbero essere considerate essenziali. Nel Regno Unito, il Primo Ministro Boris Johnson sta giocando tattiche di ritardo.

"Il nostro obiettivo è quello di ritardare e appiattire il picco dell'epidemia portando avanti le misure giuste al momento giusto, in modo da ridurre al minimo la sofferenza e salvare vite umane", ha detto la scorsa settimana. In seguito ha aggiunto che "possiamo invertire la tendenza entro le prossime 12 settimane" e aspettarsi che le prime sperimentazioni per un vaccino inizieranno entro un mese. Il cancelliere Angela Merkel della Germania, prende tempo : "Non esiste ancora alcuna terapia contro il coronavirus né un vaccino. Finché è così, c'è solo una cosa che possiamo fare, e cioè rallentare la diffusione del virus, allungarlo nel corso dei mesi e quindi guadagnare tempo", ha detto in un indirizzo nazionale molto insolito. Allo stato attuale nessun governo ha comunicato un piano a lungo termine. Ma potrebbe esserci una terza via tra il tracollo economico e l'accettazione di tassi di mortalità allarmanti.

Il metodo alla coreana? Cioè estendere il numero di test a tappeto. In modo da individuare i contagiati e da costringerli alla quarantena. Se i test diventeranno più ampiamente disponibili nei prossimi mesi, i governi potrebbero scoprire che una grande percentuale della popolazione ha già avuto un'infezione asintomatica. Questo potrebbe essere il momento in cui i paesi inizieranno a sollevare le misure di allontanamento sociale. Drosten ha affermato di aspettarsi che i test sugli anticorpi - che mostrano infezioni passate contro le quali il corpo ha sviluppato difese - diventeranno disponibili "nelle prossime settimane".

Lo studio dell'Imperial College di Londra offre un altro approccio: una fase di blocchi e rilassamenti alternati per un periodo totale di due anni, durante i quali i governi allentano le misure di allontanamento sociale per circa un mese, ogni tre mesi circa. Sébastien Maillard, direttore dell'Istituto Jacques Delors di Parigi, ha dichiarato di aspettarsi "un momento di stretto confinamento e gradualmente di nuovo un'economia funzionale, e forse purtroppo più tardi nell'anno tornare al confinamento sociale fino a quando non arriveremo al vaccino.

"I ricercatori hanno avvertito che eventuali periodi di tregua sarebbero brevi. "La distanza sociale - più la chiusura scolastica e universitaria, quando sara’ utilizzata - deve essere in vigore per la maggior parte dei due anni di simulazione", hanno scritto gli autori dello studio, lasciando i governi con lo stesso dilemma: dovranno preparare le loro popolazioni per un anno o più sotto blocco, o per massicci decessi nei prossimi mesi. Né è una situazione facile. "Ci sarà un prima e un dopo" questa pandemia, ha dichiarato il commissario per il mercato interno Thierry Breton. "Speriamo che il prezzo umano sia limitato. Il prezzo economico sarà alto. "Vedremo quale politica verra’adottata dai governi europei. Per adesso il confinamento sembra l’unica opzione possibile.

di MARGARETH PORPIGLIA

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome