"Questa è di gran lunga la peggiore crisi che il turismo internazionale ha dovuto affrontare da quando sono iniziati i record" nel 1950, ha dichiarato l'UNWTO. Il numero di turisti internazionali potrebbe scendere dal 60 all'80% nel 2020, a seconda di quando i confini internazionali inizieranno a riaprire. Tali numeri differiscono in modo significativo da una precedente previsione dell'UNWTO a marzo secondo cui il turismo diminuirebbe del 20-30%.

Gli arrivi di turisti internazionali erano già diminuiti del 22% nel primo trimestre dell'anno, e del 57% a marzo, poiché molti paesi sono stati bloccati, secondo l'UNWTO. Con questo calo, il settore ha perso $ 80 miliardi (€ 74 miliardi) nei primi tre mesi dell'anno. In totale, le perdite finanziarie per l'anno potrebbero variare da $ 910 miliardi (€ 843 miliardi) a $ 1.200 miliardi (€ 1.111 miliardi).

"L'impatto sarà avvertito a vari livelli nelle diverse regioni globali e in periodi di sovrapposizione, con l'Asia e il Pacifico che dovrebbero rimbalzare per primi", ha affermato l'organizzazione. Le nuove previsioni si basano su tre possibili scenari: riapertura delle frontiere e revoca delle restrizioni sui viaggi all'inizio di luglio (calo del 58%), all'inizio di settembre (-70%) e all'inizio di dicembre (-78%). A causa del calo dei viaggi, secondo l'UNWTO sono a rischio "100-120 milioni di posti di lavoro diretti nel turismo".

"La maggioranza prevede di vedere segni di ripresa entro l'ultimo trimestre del 2020, ma soprattutto nel 2021", ha affermato l'organizzazione, prevedendo una ripresa più rapida della domanda interna rispetto a quella internazionale. "In base alle crisi precedenti, i viaggi di piacere dovrebbero riprendersi più rapidamente, in particolare i viaggi per visitare amici e parenti, rispetto ai viaggi di lavoro", hanno aggiunto.

Le prospettive più positive sono per l'Africa e il Medio Oriente, "con la maggior parte degli esperti che prevedono la ripresa ancora nel 2020", mentre le Americhe sono le più pessimiste e "le meno propense a credere nella ripresa nel 2020". Per l'Europa e l'Asia, "le prospettive sono contrastanti, con metà degli esperti che prevedono di vedere una ripresa entro quest'anno".

MAR. POR.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome