Si chiama Solidarity Tracker e serve a raccoglie e illustrare gli atti di solidarietà degli Stati membri dell'UE sotto forma di assistenza medica, economica e della società civile. Una sorta di tracciatore europeo di solidarietà interattivo che visualizza tutti gli atti di solidarietà intercorsi tra stati membri durante la pandemia da covid-19. Il nuovo strumento è stato presentato giovedì scorso dal Consiglio europeo per le relazioni estere (ECFR). All'inizio della crisi, la solidarietà tra stati membri aveva subito una forte battuta d’arresto. Impulsi nazionali hanno portato alla chiusura delle frontiere e alle restrizioni dell’esportazione di forniture mediche. Misure che poi sono state revocate quando la crisi ha continuato a manifestarsi.

Alla fine la Commissione europea ha assunto un ruolo fondamentale nel coordinare la risposta dell'Europa alla crisi. Secondo l'ECFR, i dati contraddicono l'ipotesi diffusa che il livello europeo sia in gran parte irrilevante per la gestione delle crisi e che la solidarietà europea non sia stata attivamente perseguita durante la pandemia. Il Solidarity Tracker mostra il ruolo della società civile durante la crisi e la misura in cui anche i piccoli Stati membri hanno mostrato solidarietà, hanno collaborato con i loro vicini e partner e hanno fornito aiuto in questa crisi. "All'inizio della crisi, abbiamo visto quanto rapidamente l'impressione di una mancanza di solidarietà possa portare a un'erosione della coesione europea: la mancanza di coesione porta alla disintegrazione e allo scioglimento del progetto europeo", spiega la dott.ssa Jana Puglierin, responsabile del progetto e capo dell'ufficio di Berlino dell'ECFR.

"Con l'European Solidarity Tracker, vogliamo dimostrare che l'UE ha mostrato solidarietà rapidamente e con incisività durante la crisi – nonostante le difficoltà iniziali". Il responsabile dei dati del progetto, Rafael Loss ha dichiarato che il Solidarity Tracker include tutte le azioni di solidarietà attivate da 27 Stati membri dell'UE, nonché le azioni messe in essere da istituzioni europee e dalla società civile europea. Il numero di azioni di solidarietà registrate varia in base al paese, con in testa Germania (49 azioni), Francia (25) e Ungheria (21). Ma allora ci domandiamo, è possibile "classificare" i paesi? "Poiché i dati non sono definitivi, il Solidarity Tracker può solo indicare come gli europei hanno risposto alla crisi del coronavirus. Pertanto, il Tracker non consente ai paesi di essere classificati l'uno contro l'altro o contro le istituzioni dell'UE, né in base al numero di azioni né in base al loro valore finanziario ", chiarisce Rafael Loss.

Alcune delle azioni sono state spinte o richieste della Commissione europea o da altre istituzioni dell'UE. Ad esempio, gli Stati membri hanno stanziato ingenti fondi per lo sforzo di ricerca collettiva alla ricerca di un vaccino per il nuovo coronavirus alla conferenza dei donatori dell'UE. Altri sono derivati da Stati membri o attori della società civile che vogliono aiutare i loro concittadini europei. Il Tracker mostra che gli Stati membri erano disposti a condividere le risorse quando le capacità erano scarse. Germania, Austria e Lussemburgo hanno curato i pazienti stranieri quando nessuno poteva prevedere appieno come si sarebbe sviluppata la crisi sanitaria. Tuttavia, molti stati membri hanno fatto ricorso a chiusure unilaterali delle frontiere e restrizioni all'esportazione di forniture mediche nei primi giorni della crisi. La Commissione europea ha dovuto ricordare a Francia, Germania e altri paesi dell'UE che limitare gli aiuti e chiudersi a nazionalismi avrebbe distrutto il concetto stesso di europa. La commissione ha dunque incoraggiato immediatamente la risposta collettiva europea alla crisi. Fatto che si è dimostrato essere importante per combattere la pandemia.

Ma in che misura gli Stati membri hanno mostrato solidarietà con i paesi terzi (membri non UE)? Mentre gli Stati membri dell'UE, le istituzioni dell'UE e la società civile europea hanno mostrato solidarietà con i paesi terzi - la Cina è stata una delle prime destinatarie di consistenti quantità di forniture mediche dall'Europa quando è stata colpita per la prima volta dal coronavirus. Per adesso i dati sui paesi terzi non sono inclusi nel Solidarity Tracker. Man mano che lo strumento si evolve e riceve aggiornamenti nei prossimi mesi, è possibile aggiungere successivamente dati su paesi terzi. Uno strumento importante di analisi e approfondimento per i paesi europei e un termometro per comprendere quanto l’idea di Europa sia effettivamente reale.

Margareth Porpiglia

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome