Un incubo che sembra non voler finire. Mentre l’Europa è pronta a riaprire le sue frontiere al turismo riappaiono focolai che fanno temere nuove violente diffusioni del virus. Prima in Germania e in Italia e ora anche nel Portogallo. Da qualche giorno il governo portoghese aveva finalmente annunciato la fine dello "stato di calamità" nazionale. Ma quasi immediatamente all’annuncio lo stesso governo è stato costretto a reintrodurre restrizioni e blocchi per quasi 700.000 persone che vivono nei dintorni di Lisbona. Nuovi focolai e soprattutto una tenace resistenza del virus obbligano le autorità a prendere severi provvedimenti. "Tutti devono capire che questo ulteriore sforzo è essenziale: il virus non è scomparso", ha affermato il Primo Ministro António Costa. "L'unico modo efficace per controllarlo è fare ciò che abbiamo fatto molto bene durante lo stato di emergenza, ovvero rimanere a casa il più possibile, per mantenere le distanze sociali", ha detto ai giornalisti il premier.

Il governo ha ripristinato i blocchi nelle città di Amadora e Odivelas. Restrizioni anche in un quartiere periferico della capitale stessa e ai distretti più colpiti nei sobborghi di Sintra e Loures. A più di 697.000 residenti in quella striscia di quartieri colletti blu a nord di Lisbona viene nuovamente detto di non uscire di casa se non per lavoro, shopping o altri viaggi essenziali. Sono vietate le riunioni di oltre cinque persone. Costa ha un disperato bisogno di contenere i focolai che stanno danneggiando l'immagine del Portogallo mentre lotta per rilanciare il settore turistico, vitale per il paese. Il governo ha confermato altre misure di contenimento anche a Lisbona. Tra queste, la riduzione di riunioni tra persone da 20 a 10. Chiusura di negozi e caffè entro le 20 e bandita la vendita di alcolici dalle stazioni di servizio. La presenza della polizia è stata intensificata, con multe fino a € 5.000 per violazione delle regole. Il consumo di alcol nelle aree pubbliche è stato vietato in tutto il paese nel tentativo di fermare feste e riunioni tra giovani, eventi che sono spesso veicoli enormi di diffusione del virus.

Il consiglio comunale di Lisbona ha anche vietato i mercati di strada, interrompendo e il mercato delle pulci Feira da Ladra che si svolge due volte alla settimana. La popolare attrazione turistica era stata riaperta solo a maggio scorso dopo due mesi di chiusura. L'azione tempestiva nelle prime fasi della pandemia ha aiutato il Portogallo a evitare la devastazione provocata dal virus in gran parte dell'Europa occidentale. Lo stato di emergenza dichiarato il 18 marzo scorso è stato declassato a stato di calamità il 2 maggio. Periodo in cui in Portogallo è cominciato il deconfinamento graduale. Il nuovo "stato di allerta" si applicherà al paese e verranno mantenute le regole sul distanziamento sociale l’uso di maschere nei negozi e in altri spazi, ha affermato Costa. Con 151 morti per coronavirus per milione di cittadini, il tasso di mortalità del Portogallo rimane circa un quarto di quelli in Spagna o in Italia, ma i focolai del virus intorno a Lisbona fanno sì che l'aumento in Portogallo delle nuove infezioni possa ora essere tra i più veloci d'Europa.

I nuovi casi giornalieri sono stati in media superiori a 300 per oltre un mese. La Danimarca ha escluso il Portogallo e la Svezia dai piani di riapertura delle frontiere con altri paesi dell'UE. Anche il Regno Unito sta considerando di lasciare il Portogallo fuori da un elenco di paesi in cui gli inglesi possono andare in vacanza senza affrontare una quarantena di due settimane al loro ritorno. Il Portogallo sta facendo pressioni per assicurarsi che ciò non accada. Il Regno Unito è il suo più grande mercato turistico con i viaggiatori britannici che rappresentano lo scorso anno il 18 percento delle entrate turistiche del paese per € 18,4 miliardi. Costa ha affermato che l'alto tasso di infezione del Portogallo può essere ampiamente spiegato da un programma di test tra i più estesi in Europa, con circa il 10 percento della popolazione testata.Tuttavia, il ritmo di nuovi casi ha costretto il governo ad adottare le nuove misure a nord di Lisbona, dove la diffusione è più elevata tra operai edili, addetti alle pulizie, addetti ai magazzini e alle fabbriche. Le autorità sono anche ansiose di arginare le infezioni tra i giovani desiderosi di fare festa anche se bar e night club rimangono chiusi. Le riunioni e le feste "illegali" dell’ultimo mese hanno scatenato focolai localizzati in aree poco toccate dalla pandemia, comprese le località balneari sulle coste meridionali dell'Algarve e dell'Alentejo. Un disastro per l’economia portoghese.

Margareth Porpiglia

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome