Gli Stati Uniti hanno acquistato praticamente tutte le scorte per i prossimi tre mesi di remdesivir, uno dei due farmaci che hanno dimostrato di funzionare contro il Covid-19, non lasciando niente per Gb, Europa e la maggior parte del resto del mondo, scrive il Guardian. L’azione unilaterale sul farmaco da parte degli Usa allarma gli esperti anche per le prospettive future, ad esempio nel caso in cui si renda disponibile un vaccino.

L’amministrazione Trump ha già dimostrato di essere pronta a superare in termini di offerte e manovre tutti gli altri paesi per garantire le forniture mediche di cui ha bisogno per gli Stati Uniti. "Hanno avuto accesso alla maggior parte dell’offerta di remdesivir, quindi non c’è nulla per l’Europa", ha dichiarato il dott. Andrew Hill, ricercatore senior presso l’Università di Liverpool.

Remdesivir, il primo farmaco approvato dalle autorità competenti negli Stati Uniti per il trattamento di Covid-19, è prodotto da Gilead e ha dimostrato di aiutare le persone a riprendersi più rapidamente dalla malattia. Le prime 140.000 dosi, fornite alle sperimentazioni farmacologiche in tutto il mondo, sono state esaurite. L’amministrazione Trump ha ora acquistato più di 500.000 dosi, che è tutta la produzione di Gilead per luglio e il 90% di agosto e settembre.

"Il presidente Trump ha raggiunto un accordo straordinario per garantire agli americani l’accesso al primo terapeutico autorizzato per Covid-19", ha dichiarato il segretario alla salute e ai servizi umani degli Stati Uniti, Alex Azar. "Per quanto possibile, vogliamo garantire che qualsiasi paziente americano che abbia bisogno di remdesivir possa ottenerlo. L’amministrazione Trump sta facendo tutto ciò che è in suo potere per saperne di più sulla terapia salvavita per Covid-19 e garantire l’accesso al popolo americano".

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome