La teoria secondo la quale l'immunità da gregge potrebbe essere uno strumento valido per affrontare il coronavirus ha subito un forte arresto dopo i dubbi sollevati da un recente studio spagnolo. Secondo lo studio effettuato su un campione di 61.075 persone in 35.883 famiglie selezionate a caso in tutto il paese, circa il 5% della popolazione spagnola ha sviluppato gli anticorpi. Siamo lontani dal 70%, 90% di anticorpi che devono essere presenti perché si possa parlare di l'immunità di gregge.

"Nonostante il forte impatto del virus in Spagna, le stime sulla diffusione degli anticorpi dunque restano bassi. "L’immunità di gregge non può essere ottenuta senza accettare il danno collaterale di molti decessi nella popolazione sensibile per non parlare del sovraccarico dei sistemi sanitari. In questa situazione, le misure di distanziamento sociale e gli sforzi per identificare e isolare nuovi casi e i loro contatti sono indispensabili per il futuro controllo dell'epidemia".

Poiché non esiste vaccino contro il coronavirus, l'infezione rimane ancora l'unica strada per raggiungere l'immunità di gregge, fatto che è stato presentato come una potenziale soluzione per arrestare la diffusione del virus. Tuttavia, la ricerca suggerisce che dopo l'infezione con alcuni coronavirus, la reinfezione con lo stesso virus - sebbene di solito lieve e presente solo in una minima percentuale di persone - è possibile dopo un periodo di mesi o anni, secondo la Mayo Clinic.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome