foto depositphotos

"La città non sta attuando questa politica per abbassare i prezzi degli immobili, ma per impedire agli investitori di costringere le famiglie a medio reddito fuori dal mercato immobiliare", ha spiegato Peter Boelhouwer, professore di sistemi abitativi presso la Technical University of Delft. La misura adottata riguarda le case di nuova costruzione, ma è stato riferito che il governo olandese sta lavorando su una legislazione per rendere la norma applicabile anche alle proprietà esistenti. "Ad Amsterdam, persone comuni come agenti di polizia e infermieri non possono più acquistare una casa in città", ha detto il prof. Boelhouwer. "Queste persone vengono spinte fuori dal mercato immobiliare e cio’e’inaccettabile. L'obbligo di vivere non è tanto contrastare l'aumento dei prezzi, ma rendere le case occupate dai proprietari più accessibili agli acquirenti a medio reddito ". In tutti i Paesi Bassi, il 6% di tutte le case è stato acquistato da piccoli investitori che intendevano affittare gli immobili agli inquilini. In alcune zone di Amsterdam, tali proprietà rappresentano fino al 20% di tutte le proprietà residenziali. Gli investitori, ha spiegato il prof. Boelhouwer, acquistano case che i le famiglie a medio reddito stanno cercando, e quindi sono costretti ad affittare, pagando di più nel processo. Ad Amsterdam, l'affitto per un appartamento di 60 metri quadrati e’di circa € 1.500 al mese. "Un insegnante o un'infermiera non possono permetterselo", ha detto. "Quelle case vengono affittate da stranieri e simili. Per la gente comune che non è conveniente. " La storia e ‘simile per molti cittadini in Belgio, dove un fenomeno simile a quello olandese è cresciuto in alcuni comuni della regione di Bruxelles (Uccle, Watermael-Boitsfort), nella periferia fiamminga (Tervuren, Overijse) e nelle stesse Fiandre. Le persone che sono cresciute in una zona non sono in grado di acquistare case nella propria città perché i prezzi degli immobili sono aumentati a causa di speculatori e sviluppatori. Questa settimana la federazione belga di notai ha riferito che il prezzo medio di un appartamento a Bruxelles è ora di € 268.923 - € 14.000 euro in più rispetto alla prima metà del 2019. Parte del motivo dell'aumento è che gli appartamenti sono visti come buoni investimento come proprietà in affitto, noto nel settore come un acquisto, in quanto non vi è mai carenza di inquilini. E gli investitori tendono ad avere più soldi da offrire al venditore di una giovane famiglia che inizia la propria vita. La nuova legge olandese si applica anche agli edifici che devono essere trasformati in proprietà residenziali, come fabbriche trasformate in spazi soppalcati. E l'obbligo di vivere è inserito nel contratto di locazione della proprietà, in modo che si applichi agli acquirenti successivi. Ma ci sono anche delle eccezioni. I genitori possono acquistare una proprietà che intendono affittare ai propri figli. Il proprietario di una casa coperta dalla nuova legge può affittarla quando vive all'estero. E l'obbligo di abitare non si applica se la proprietà in affitto è offerta a un affitto inferiore a € 1.027 al mese e rimane alla portata di un inquilino a basso o medio reddito.

MAR. POR.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome