Ponte Morandi, Genova (Depositphotos)

Autostrade, come andrà a finire? Vi proponiamo una via d’uscita, basata su quel che si legge. I Benetton usciranno o scenderanno in minoranza. Più probabile appare la seconda ipotesi. Non saranno espropriati ma indennizzati. L’idea dell’esproprio piace a un filone di sinistra che comprende i grillini. L’esproprio proletario è nel loro Dna. Ma si aprirebbe un contenzioso incerto e eterno. La strada imboccata, lontano dai riflettori, è meno eclatante ma più tranquilla. A Benetton subentrerà lo Stato, sotto forma di Cpd (Cassa depositi e prestiti) e consociate. Così resterà una azienda privata, che è sempre meglio del pubblico, comunque. Negli ultimi tempi c’è stato un revival dell’anti privato, del primato dello statalismo. Chi si entusiasma, o è in malafede o ha la memoria corta. Pubblico vuol dire condiscendenza eccessiva verso i sindacati, appalto spartiti fra i partiti e i loro referenti. Anche nel privato ci sono ruberie e favoritismi. Ma il privato, anche quando è monopolista, è sottoposto al verdetto del mercato. Il pubblico è intoccabile e inamovibile. La crisi da coronavirus in Lombardia non è dipesa da un cattivo funzionamento degli spedali privati, ma da clamorosi errori di gestione pubblica e carenze di programmazione da parte degli enti pubblici preposti. La nova Aspi sarà, per la gioia dei neo statalisti, comunque controllata dallo Stato, che è l’unico a avere il denaro per comprare. Secondo le regole delle valutazioni aziendali, il prezzo è basato sugli utili attesi nei prossimi 5 o 10 anni. Il braccio di ferro è sul prezzo. Il resto è cinema. La sentenza della Corte Costituzionale ha rafforzato la posizione governativa. Ma non c’è dubbio su come andrà a finire. Benetton farà il pieno di soldi, il partito dei sanculotti (M5s) avrà la testa che chiede da 2 anni. Soluzione salomonica, vien da dire. Che poi le cose andranno meglio se a far le nomine nella nuova Autostrade saranno la Cdp o le forze che la governano sarà tutto da vedere. Ma sarà comunque un passo avanti, che svelenirà la vita pubblica italiana.

SERGIO CARLI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome