alitalia (foto depositphotos)

La pandemia ha bloccato il settore dei trasporti aerei gia’ in crisi a causa dell’ inquinamento ambientale. Ma le domande che ci si poneva prima del coronavirus, si sino ripresentate adesso che lentamente i trasporti ricominciano con un ritmo piu’o meno regolare. Il problema è che spostare un gran numero di persone con il minor numero di soldi possibile era possibile solo in un mondo in cui le emissioni di gas serra non rappresentavano una minaccia per il pianeta."Risolviamo la sostenibilità o moriamo", ha affermato Andrew Charlton, amministratore delegato di Aviation Advocacy, una società di consulenza. "Se non lo facciamo, viaggiare in aereo tornera’ ad essere un passatempo per ricchi come lo era negli anni ‘30."Se l'UE riuscirà a diventare neutrale dal punto di vista climatico nel 2050, il vecchio modello di viaggio economico e allegro potrebbe dover essere spazzato via. Potrebbe essere sostituito da qualcosa come un ritorno ai tempi antichi con forme di viaggio lente, molto più costose, ma che non inquinano. La IATA prevede che entro la metà del secolo circa 9 miliardi di persone voleranno ogni anno, rispetto ai 4,3 miliardi del 2018. L'aviazione genera attualmente circa il 3 percento delle emissioni mondiali di gas a effetto serra; una percentuale che probabilmente salirà alle stelle entro il 2050 mentre altre parti dell'economia decarbonizzeranno. Le normative dell'UE che richiedono drastici tagli al carbonio avranno sicuramente un ruolo nel mettere l'industria sotto pressione, ma potrebbero essere anche i consumatori a sollevare dubbi in questione. I passeggeri "in futuro porranno molte più domande sull'impatto ambientale dell'aviazione", ha affermato Michael Gill, che guida la sezione dedicata alle questioni ambientali presso l'International Air Transport Association, la lobby dell'industria globale. "Più passeggeri prenderanno in considerazione l’impatto ambientale prima di decidere di volare." Per le nuove generazioni di viaggiatori, un weekend di 50 € a Maiorca non sarà così privo di conseguenze come lo è oggi. Entro il 2050, i passeggeri saranno inevitabilmente più consapevoli dell'effetto ambientale del loro viaggio, soprattutto perché l'impatto dei cambiamenti climatici sarà più viscerale e probabilmente più duro. Ciò lascia un paio di opzioni: un cambiamento radicale nella tecnologia per consentire continui viaggi di massa, oppure un ripensamento radicale dei viaggi e del turismo. Ma un profondo cambiamento sta gia’avvenendo in Europa con il recente ritorno dei treni notturni che collegano le principali capitali UE. Un piccolo ritorno al passato e a quel viaggiare lento e piacevole che sta gia’costringendo le compagnie di trasporto aereo ad una riflessione. E questo prima che la pandemia COVID-19 portasse ad una rivalutazione ancora più profonda delle abitudini di lavoro e di viaggio. Il coronavirus ha causato il blocco quasi completo dei voli nel mondo. Il turismo globale si e ‘bruscamente arrestato e persino le navi da crociera sono diventate incubatrici di malattie. Le compagnie aeree hanno dovuto cambiare completamente strategie di marketing per trovare nuovi modi di attirare clienti. Per città come Tallinn, Praga e Cracovia, la fine dei voli low cost utilizzati in prevalenza per acquistare alcolici a buon mercato sta ponendo domande su come il turismo post-pandemia dovra’cambiare. Questo profondo cambiamento ha modificato la qualità di questi viaggi. Gli aerei affollati che volavano per invadere localita’turistiche come Barcellona e Santorini o persino il Monte Everest sono ormai un ricordo e un incubo lontano."L'attenzione della gente ormai consapevole dell’impatto ambientale dei trasporti cambiera’ il modo di concepire le vacanze. I viaggia saranno meno frequenti più lunghe e complesse le vacanze", ha affermato Charlton. " Resisteranno le compagnie aeree qualificate e con esperienza. Sara la fine del low cost". Sul fronte professionale, il telelavoro ha avuto un forte impulso poiché ai dipendenti è stato detto di lavorare da casa durante la pandemia. Molte aziende stanno ora ripensando alla necessità di viaggi aziendali. Mentre è probabile che un ritorno al volo man mano che i paesi iniziano ad allentare le restrizioni di viaggio, portera’ i cittadini a viaggiare di meno."Notizie negative per l'industria del trasporto aereo, che spera che i viaggi continueranno a crescere al ritmo vertiginoso registrato negli ultimi due decenni. Secondo molti nel settore, il sistema richiede solo modifiche tecnologiche per mantenere tale crescita sostenibile."Il problema non e’ volare, il problema è l’emissione di CO2"."L'unico modo per far diventare l'aviazione neutrale dal punto di vista climatico è che gli aerei smettano di bruciare il cherosene", ha dichiarato Jo Dardenne, un altro responsabile dell'aviazione presso T&E.La Commissione europea sta attualmente elaborando una strategia per promuovere alternative sostenibili al carburante per aerei e sia i gruppi verdi che l'industria sperano in rapidi progressi. Sono già in produzione quantità limitate di carburante per jet ricavato da olio da cucina usato, grasso animale, rifiuti e residui. Gli esperti immaginano carburanti prodotti in laboratorio, energia elettrica e idrogeno."I carburanti alternativi sono il luogo in cui abbiamo assistito ai progressi più rapidi nel più breve periodo di tempo", ha affermato Gill. Mentre attualmente rappresentano meno dello 0,1 percento della combustione degli aeromobili a combustibile, Gill ha affermato che la quota potrebbe aumentare al 2 percento entro il 2025 - a quel punto ci sarà un caso commerciale per i fornitori di produrne di più. Il governo francese ha donato 15 miliardi di euro alla sua industria aerospaziale, una delle condizioni è l'accelerazione della ricerca sulla costruzione di un aereo a idrogeno entro il 2035. Il CEO di Airbus, Guillaume Faury, ha dichiarato: "Siamo assolutamente convinti che sia fattibile". Affinché la decarbonizzazione del settore aereo sia fattibile, tuttavia, dovrà avvenire rapidamente. "Il ritmo di sviluppo e il ritmo e l'ampiezza della dispersione di tali tecnologie nella flotta globale determineranno quanto contribuiranno a ridurre le emissioni", ha dichiarato Sean Newsum, direttore della strategia ambientale di Boeing. E questo costerà denaro. Oggi, le alternative pulite possono essere fino a sei volte più costose del cherosene e le compagnie aeree non possono permettersi che i viaggi aerei diventino sei volte più costosi. Idealmente, le compagnie aeree vogliono "nessuna differenza di prezzo tra carburanti convenzionali e alternativi. Vogliamo arrivare a una situazione in cui c'è parità ", ha detto Gill.Ma potrebbe essere proprio la cosa necessaria in un'Europa neutrale dal punto di vista climatico." "La Ryanairizzazione "del trasporto aereo deve cessare", ha detto Dardenne. "È estremamente importante assicurarsi che i prezzi non scendano troppo in basso e che il volo abbia un prezzo migliore in generale". Il futuro del trasporto in Europa e nel mondo sta cambiando e forse in meglio.

MARGARETH PORPIGLIA

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome