L'Europa sta sviluppando un piano generale per costruire un settore di produzione di batterie di livello mondiale. Partendo da zero. Ma questo piano dettagliato potrebbe avere un problema la concorrenza. I competitori nel settore sono tanti e preparati. Un fattore che non scoraggia minimante i piani dei leader europei che vogliono rendere sempre piu’ autosufficiente il vecchio continente. La Commissione europea, ha trascorso più di tre anni a elaborare una strategia per avviare progetti attraverso la catena del valore della batteria. Non trascurando alcun aspetto del settore: dalle miniere di materie prime necessarie ai pacchi di batterie e alla produzione di celle stesse fino al riciclaggio dei prodotti usati. La mossa - sotto l'egida dell'European Battery Alliance, una piattaforma per il coordinamento e gli investimenti - è ritenuta fondamentale per evitare la dipendenza dai fornitori asiatici e realizzare un passaggio alla mobilità elettrica che definisca il settore dalle case automobilistiche europee mentre i paesi si allontanano dall’inquinamento causato della tecnologia che utilizza diesel e benzina. "Il nostro obiettivo è raggiungere una quota di mercato mondiale del 30 percento", ha dichiarato il ministro tedesco dell'economia, Peter Altmaier, uno degli architetti del settore della batteria. Attualmente, l'Europa detiene una quota di mercato globale inferiore al 5%. La Germania guida il progetto forte delle sue aziende automobilisti- che. L’indipendenza tecnologica dai giganti asiatici potrebbe giocare un ruolo chiave nel futuro economico europeo. "Raggiungeremo questo obiettivo in più fasi", ha dichiarato il ministro tedesco. "E mi aspetto che decine di migliaia di posti di lavoro, in questo nuovo settore siano creati in Europa entro la fine del decennio". Il primo passo è arrivato alla fine dell'anno scorso, quando sette paesi guidati da Francia e Germania hanno ottenuto l'approvazione da Bruxelles per eliminare 3,2 miliardi di euro di aiuti di Stato per rafforzare la partecipazione dell'Europa in un mercato della tecnologia delle batterie che si stima valga la pena di 250 miliardi di euro annui entro il 2025. Al momento, le società cinesi dominano il mercato. Insieme alle aziende sudcoreane e giapponesi, rappresentano circa il 90 percento della produzione cellulare globale. Ma la situazione sta cambiando.

ECCO COME L’EUROPA VUOLE RAGGIUNGERE LA SOVRANITÀ TECNOLOGICA
L’enorme quantità di investimenti che l’Europa sta destinando a innovazione e sviluppo è la manifestazione più concreta del desiderio dell'UE di liberarsi dalla dipendenza da centrali elettriche straniere. L'obiettivo è quello di garantire la cosiddetta sovranità tecnologica, o una maggiore indipendenza dai venditori stranieri su tutto, dal cloud computing ai veicoli autonomi. Coincide anche con una spinta da Berlino, Parigi e altre capitali europee, per respingere il crescente peso economico e strategico della Cina. Questo settore è troppo strategico per fare affidamento solo sulla Cina", ha affermato Diego Pavia, capo di EIT InnoEnergy, un gruppo che aiuta a coordinare la European Battery Alliance. "Quello che stiamo facendo non è solo l'Europa per l'Europa. È l'Europa per il mondo."Una seconda serie di domande di aiuti di Stato - fatturata come ancora più grande della prima - è in preparazione per accelerare ulteriormente il piano delle batterie in Europa."L'Asia, in larga misura, ha dominato l'industria negli ultimi 20 anni", ha affermato Andrew McDowell, vicepresidente della Banca europea per gli investimenti (BEI). "L'industria automobilistica europea ha capito di non avere la leadership tecnologica in questo settore e, se non avesse fatto qualcosa al riguardo, la maggior parte del valore che avrebbe prodotto sarebbe stato costruito altrove".McDowell ha dichiarato che la BEI prevede di stanziare almeno 1 miliardo di euro all'anno in prestiti per progetti di batterie all'interno del blocco di 27 paesi nei prossimi quattro anni, insieme all'iniezione di fondi pubblici da parte della Commissione e delle capitali nazionali. Ma mentre l'Europa cerca di competere, le aziende asiatiche stanno sfidando le ambizioni dell'UE sul suo stesso territorio. Ad Arnstadt, ad esempio, una piccola città nella Germania centrale, il produttore di batterie cinese CATL ha quasi completato il suo investimento di 1,8 miliardi di euro in un impianto per rifornire Volvo e BMW di batterie, mentre LG Chem, il colosso industriale sudcoreano, si è assicurato quasi 500 milioni di euro dalla BEI per espandere il suo stabilimento polacco, creando fino a 1.800 posti di lavoro in una struttura che definisce una "mecca" per la produzione di batterie non lontano dagli impianti automobilistici tedeschi. Appena fuori Berlino, Tesla - un pioniere americano delle auto elettriche - sta accelerando i piani per il suo nuovo, cosiddetto impianto gigafactory, che vuole preparare entro luglio 2021."Il risultato di questa battaglia competitiva a livello globale è tutt'altro che noto", ha affermato Mc-Dowell. Insomma una partita ancora tutta aperta e da giocare per l’Europa. Il primo progetto europeo di produzione di celle di punta è stato sviluppato da Northvolt, una società svedese fondata da due ex dirigenti Tesla. Sta ultimando di garantire investimenti per 1,5 miliardi di euro, compresi 350 milioni di euro dalla BEI, per costruire la più grande fabbrica di batterie in Europa. La società ha un'altra struttura in lavorazione attraverso una joint venture con Volkswagen, anche se ciò soddisferà solo una parte della domanda di batterie del produttore automobilistico, il resto dei quali verrà fornito attraverso accordi con LG Chem, Samsung, SKI e CATL. Il successo della strategia dell'UE dipenderà anche, in parte, da un sito industriale in Finlandia all'inizio della catena di approvvigionamento. Accanto a linee di alberi sempre-verdi nel profondo della Finlandia settentrionale, Hannu Hautala, il capo di Keliber, vuole aprire una delle uniche miniere di litio d'Europa, una materia prima fondamentale per le batterie che i produttori europei attualmente importano. Resta da vedere se la sua scommessa pagherà. Il finlandese ha affermato che il suo progetto è ancora in fase di pianificazione, ma prevede di iniziare i lavori entro il 2022 e di iniziare l'attività mineraria due anni dopo. La sua società ha ricevuto diversi milioni di euro di sostegno governativo ed è un quarto di proprietà di una società sostenuta dallo stato, sebbene la maggior parte dei 30 milioni di euro di finanziamenti provenga finora da investitori privati."La dipendenza da aziende straniere che abbiamo visto in altri settori critici non è sostenibile", ha aggiunto, aggiungendo che la sua miniera ha affrontato meno preoccupazioni ambientali rispetto ad altri progetti minerari in Europa perché costruita su un sito industriale esistente. "Per i produttori di batterie in Europa, Keli- ber potrebbe offrire un'alternativa."Tuttavia, la miniera di litio finlandese è ancora un progetto lontano dall’iniziare la produzione e dovrà raccogliere circa 400 milioni di euro in finanziamenti aggiuntivi entro il 2022. Esiste poi l’opposizione degli ambientalisti che hanno rifiutato di riaccendere l'industria mineraria, comprese le miniere di litio proposte in Spagna e Portogallo. Proprio ora che Bruxelles sta promuovendo la sua agenda per la sostenibilità del Green Deal sembra difficile che il progetto possa avere speranza di partire senza incontrare opposizioni e manifestazioni dei verdi. Mentre questi progetti dell'UE impiegano anni per decollare, i produttori di automobili stanno già siglando accordi di fornitura a lungo termine con aziende straniere e stanno pianificando progressi potenzialmente rivoluzionari nella tecnologia delle batterie. La tedesca Daimler e la Volkswagen, ad esempio, hanno entrambi recentemente investito in produttori di batterie cinesi a causa della domanda alle stelle del paese per i veicoli elettrici. Gli analisti del settore avvertono anche che costi di produzione più elevati in Europa potrebbero rendere la produzione locale più costosa rispetto ai concorrenti asiatici, una differenza di prezzo che sarebbe inevitabilmente trasferita ai consumatori. Le case automobilistiche cinesi stanno pensando se entrare nel mercato europeo con le proprie e-car volte a competere sul prezzo con le aziende europee, ha affermato Matthias Schmidt, un analista con sede a Berlino che segue il mercato delle auto elettriche. La Commissione ha una squadra di esperti individuale per sviluppare l'industria europea delle batterie. Maroš Šefčovič, politico slovacco e’ l’incaricato Ue del progetto e insieme al vicepresidente della Com- missione ha trascorso anni a convincere i paesi e l'industria a seguire un piano concreto per sviluppare il settore delle batterie e rendere il continente indipendente. Šefčovič, il cui mandato decennale presso la Commissione comprende briefing che sovrintendono a tutto, dall'istruzione all'energia, ha descritto la spinta della batteria come "la ricetta giusta per la nostra politica industriale del 21 ° secolo". Per Šefčovič, l'Europa non supererà i concorrenti asiatici solo per il prezzo ma dovrà costruire una "catena del valore" basata su regolamenti che può spingere come standard globali. Per lui, non si tratta solo di soldi, ma di sfruttare il ruolo dell'UE come regolatore per stabilire regole globali prima che altri paesi lo facciano. Ogni euro speso dai governi europei per progetti industriali sarà recuperato. Ad ottobre la Commissione proporrà nuovi standard ambientali per le batterie, uno sforzo per superare la Cina e offrire ai produttori locali un modo per differenziare la loro produzione dai concorrenti asiatici.

Le nuove norme dell'UE includeranno linee guida per la sostenibilità, per quanto riguarda l'approvvigionamento responsabile delle materie prime, un basso impatto ambientale e una riduzione dei rifiuti durante la produzione. Si applicherà anche ai fornitori cinesi di case automobilistiche dell'UE, ha affermato Šefčovič. Il politico vuole usare la presidenza tedesca di sei mesi dell'UE per far passare rapidamente le proposte in legge." Altre sfide attendono anche quello che Šefčovič definisce un "Airbus per batterie", un riferimento al produttore di aerei paneuropeo. Finora i governi stranieri hanno taciuto sulla spinta della batteria in Europa, soprattutto perché le società del continente detengono attualmente una quota di mercato ridotta. Ma ciò può cambiare quando le aziende dalla Spagna alla Svezia iniziano a produrre materie prime, batterie complete e altri prodotti ricercati. Mentre Bruxelles esalta le virtù della concorrenza aperta, in silenzio sovvenziona la propria industria e pianifica una legislazione che potrebbe mettere degli osta- coli all'ingresso per i fornitori stranieri attualmente dominanti. Altmaier, il ministro tedesco, ha respinto l'affermazione secondo cui l'alleanza della batteria scatenerà una nuova discordia commerciale e ha detto che tutti sono benvenuti purché non usino l'Europa come "banco di lavoro esteso". "Supportiamo le aziende che sono disposte a investire di più in batterie nell'Unione europea, anche se sono aziende giapponesi, coreane, cinesi o americane", ha affermato."Tesla ha deciso di costruire un grande impianto nella regione circostante Berlino per rifornire il mercato europeo", ha aggiunto. "Se Tesla soddisfa tutti i criteri, avrà l'opportunità di beneficiare dei sussidi forniti, proprio come tutte le altre società dell'UE." Altri, tuttavia, hanno messo in dubbio il finanzia- mento da parte della Commissione di una serie di progetti locali, per lo più diretti verso paesi più grandi come Francia, Germania e Polonia, aprendo allo stesso tempo un'indagine sugli aiuti di stato in Ungheria quando ha cercato di fornire un sostegno pubblico di 108 milioni di euro a Samsung costruirà un impianto a batteria appena fuori Budapest. Šefčovič respinse le accuse secondo cui il piano europeo avrebbe portato a guerre commerciali simili alla disputa di lunga data tra Airbus e Boeing. È giusto, ha detto, per il blocco - proprio come altri paesi - spingere la sua richiesta in un settore che potrebbe essere cruciale per tutto, dalle auto elettriche allo stoccaggio di energia rinnovabile. L’Europa continua la sua irrefrenabile corsa verso il primato economico e l’indipendenza dai giganti asiatici, guadagnando una posizione sempre più di rilievo sulla scena internazionale.

Margherita Porpiglia

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome