Foto_giornale

Il traffico aereo globale non tornerà ai livelli pre-coronavirus prima del 2024. Un anno dopo rispetto alle previsioni precedenti. La notizia viene riferita l'Associazione internazionale dei trasporti aerei (IATA). Dati impressionanti che fanno presagi- re tempi neri per i trasporti aerei. Ma il tracollo del settore non è fantasia bensì, purtroppo, una realtà. Basti pensare che il traffico internazionale di giugno è diminuito del 96,8% rispetto a giugno 2019, solo leggermente migliorato rispetto al calo del 98,3% di maggio. La capacità è scesa del 93,2% e il fattore di carico è sceso di 44,7 punti percentuali al 38,9%.

Il traffico di giugno delle compagnie aeree dell'Asia-Pacifico è precipitato del 97,1% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente, leggermente migliorato rispetto al calo del 98,1% di maggio. Uno scenario davvero preoccupante che ha determinato la pessimistica previsione dell’Ente. Uno dei motivi addotti dalla IATA per le prospettive "più pessimistiche" è il lento contenimento dei virus negli Stati Uniti e nelle economie in via di sviluppo. "Sebbene le economie sviluppate al di fuori degli Stati Uniti abbiano avuto un notevole successo nel contenere la diffusione del virus, si sono verificati nuovi focolai in queste economie e in Cina", ha osservato la IATA. Inoltre, vi sono pochi segni di contenimento dei virus in molte importanti economie emergenti, che in combinazione con gli Stati Uniti rappresentano circa il 40% dei mercati globali dei viaggi aerei. La loro continua chiusura, in particolare per i viaggi internazionali, è un freno significativo alla ripresa. Altri motivi della riduzione del traffico aereo internazionale sono la riduzione dei viaggi aziendali e la debole fiducia dei consumatori. I budget dei viaggi aziendali dovrebbero essere molto limitati poiché le aziende continuano a essere sotto pressione finanziaria anche se l'economia migliora. Inoltre, mentre storicamente la crescita del PIL e i viaggi aerei sono stati altamente correlati, i sondaggi suggeriscono che questo collegamento si è indebolito, in particolare per quanto riguarda i viaggi d'affari, poiché le videoconferenze sembrano aver fatto passi da gigante in sostituzione delle riunioni di persona. Ultimo elemento la sfiducia dei consumatori. Mentre esiste una domanda repressa per VFR (visitare amici e parenti) e viaggi di piacere, la fiducia dei consumatori è debole di fronte alle preoccupazioni per la sicurezza del lavoro e l'aumento della disoccupazione, nonché i rischi di essere contagiati dal COVID-19. Circa il 55% degli intervistati al sondaggio IATA sui passeggeri di giugno non prevede di viaggiare nel 2020.

A causa di questi fattori, la previsione di base della IATA prevede che le pianificazioni globali diminuiranno del 55% nel 2020 rispetto al 2019 (le previsioni di aprile prevedevano un calo del 46%). Il numero di passeggeri dovrebbe aumentare del 62% nel 2021 dalla base depressa del 2020, ma sarà ancora in calo di quasi il 30% rispetto al 2019. Un recupero completo ai livelli del 2019 non è previsto fino al 2023, un anno dopo rispetto alle previsioni precedenti. Nel frattempo, poiché i mercati nazionali si stanno aprendo prima dei mercati internazionali e poiché i passeggeri sembrano preferire i viaggi a corto raggio nell'attuale ambiente, gli RPK si riprenderanno più lentamente, con il traffico passeggeri che dovrebbe tornare ai livelli del 2019 nel 2024, un anno dopo rispetto alle previsioni precedenti . I progressi scientifici nella lotta contro il COVID-19, incluso lo sviluppo di un vaccino di successo, potrebbero consentire un recupero più rapido. Tuttavia, al momento sembrano esserci più rischi al ribasso che al rialzo rispetto alle previsioni di base."Il traffico passeggeri ha toccato il fondo in aprile, ma la forza della ripresa è stata molto debole. Quale miglioramento abbiamo visto è stato il volo interno. I mercati internazionali rimangono in gran parte chiusi. La fiducia dei consumatori è bassa e non aiutata dalla decisione del fine settimana del Regno Unito di imporre una quarantena generale a tutti i viaggiatori che torna- no dalla Spagna. E in molte parti del mondo le infezioni sono ancora in aumento. Tutto ciò indica un periodo di recupero più lungo e una maggiore sofferenza per l'industria e l'economia globale ", ha dichiarato Alexandre de Juniac, direttore genera- le e CEO della IATA."Per le compagnie aeree, questa è una cattiva notizia che indica la necessità per i governi di continuare con misure di soccorso - finanziarie e non.

Margherita Porpiglia

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome