Foto Depositphotos

L'emergenza Coronavirus non rappresenta una base sufficiente per la distribuzione massiva di app di contact tracing. Questo è quello che afferma il Garante della Privacy, che commenta: "La situazione non rappresenta automaticamente una base giuridica sufficiente che possa incidere su diritti e libertà costituzionalmente protette". Di fatti, quindi, il trattamento invasivo di dati (atto a tracciare i contatti di ogni cittadino ndr.) personali non è legittimato dall'epidemia".

Solo un'adeguata base giuridica potrà far sì che la commercializzazione di app di 'contact tracing' come "Immuni" sia ben vista sotto il profilo della privacy.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome