"Premesso che in Italia non esiste una legge sul conflitto di interessi nell'informazione e sarebbe il caso che ci fosse, una qualsiasi normativa in tal senso però dovrebbe inserirsi nel contesto delle norme dei Paesi occidentali. La visione di Crimi invece non punta a difendere il pluralismo ma, come ha dimostrato quando si è occupato di editoria, a colpire il pluralismo, chi fa informazione libera e chi non la pensa come lui".

Lo dice il segretario della Fnsi, Raffaele Lorusso, commentando la dichiarazione di Vito Crimi che oggi ha detto: "Andremo avanti sul conflitto di interessi e non ci fermeremo, l'informazione è il cuore pulsante di questo Paese e deve essere libera dagli interessi dei privati".

"Lui – prosegue Lorusso – aveva promosso di fatto la chiusura di Radio Radicale, che aveva gettato le basi per la chiusura definitiva di tante piccole realtà come i piccoli giornali ma anche quelli di cooperativa. La sua visione punta a cancellare l'informazione perché il suo modello deve passare attraverso l'eterodirezione dell'opinione pubblica mediante piattaforme digitali a cominciare da Rousseau".

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome