Come previsto, cala il gelo sull’Italia. Temperature in picchiata ovunque, da nord a sud, con picchi di freddo anche a bassa quota e in pianura. A sferzare coste, colline e montagne è soprattutto il vento gelido che arriva dalla Siberia, il famigerato Burian, che a Trieste ha raggiunto i 130 km/h.

Neve nella notte anche a Roma: la Capitale si è risvegliata sotto una coltre bianca. Scuole chiuse oggi per decisione delle autorità cittadine. Disagi nelle strade per la caduta di alberi e le auto in panne. Anche il traffico ferroviario è rallentato. Dal Campidoglio l’invito ai romani a limitare gli spostamenti. Neve anche in altre città del nord e nel centro, ma anche al sud il termometro fa registrare temperature molto basse.

Intanto ieri a Venezia il forte vento ha provocato il crollo di un pilone su Ponte della Libertà, la strada che collega la città alla terraferma. Circolazione a lungo paralizzata e comprensibili disagi per residenti e turisti.