(depositphotos).

Secondo l'Unhcr, l'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, 150 persone potrebbero aver perso la vita a causa del naufragio di un barcone davanti alle coste della Libia. Nell'imbarcazione avrebbero trovato posto 300 persone.

Oltre la metà dei passeggeri, dunque, sarebbe morta nel corso del tentativo di raggiungere le coste europee. In base a quanto riferito da un portavoce dell'organizzazione, la piccola nave avrebbe preso il largo da Khoms.

Dalla cittadina situata un centinaio di chilometri a est di Tripoli, il barcone avrebbe dovuto raggiungere la Sicilia. Invece qualcosa è andato storto, con conseguenze tragiche per circa 150 persone.