La riapertura delle frontiere europee ai paesi extra Ue si preannuncia come complicata e per nulla semplice. L'UE ha concordato una "lista bianca" di paesi cui è concesso l’ingresso sul proprio territorio, ma i paesi membri hanno l'ultima parola su chi lasceranno entrare. Dunque alla fine saranno i singoli paesi a decidere se riaprire completamente o no. Bruxelles spera che l’Europa riapra in modo più organizzato e uniforme rispetto al modo in cui ha chiuso le frontiere. A marzo e aprile, mentre il coronavirus si diffondeva in tutta Europa, l'accordo sottoscritto ben 35 anni fa denominato "Schengen" (che regola i viaggi senza confini tra la maggior parte dei paesi dell'UE) è stato effettivamente sospeso. Molti cittadini all’estero sono stati lasciati a se stessi e la cooperazione europea ha subito un brusco arresto. Tendenza invertita dal 15 giugno, con i paesi membri che hanno iniziato a ridurre i divieti per i viaggiatori principalmente all’interno del blocco europeo.

Martedì scorso, dopo una lunga trattativa i paesi dell'UE hanno messo a punto i criteri che determineranno se un paese extra UE è abbastanza sicuro per entrare e visitare l'Europa. Le capitali hanno finalizzato un elenco iniziale di 15 paesi, più quattro micro stati europei. Vediamo in breve cosa realmente accadrà e cosa è stato concordato. L'UE ha stabilito di aprire gran parte dello spazio di viaggio comune europeo ad alcuni cittadini di paesi terzi a partire da ieri 1 luglio. L'UE ha inoltre deciso che i paesi a cui si aprirà saranno determinati dal loro record di gestione della diffusione del coronavirus. In particolare, se il tasso di infezione del paese è simile o inferiore alla media dell'UE; se tale tasso sta salendo o scendendo; la capacità complessiva del paese di affrontare il virus (a giudicare dai suoi sforzi di tracciamento dei contratti e dal suo sistema sanitario); e l'affidabilità dei dati forniti.

L'elenco verrà aggiornato ogni due settimane sulla base di nuovi dati. L'elenco comprende 15 paesi: Algeria, Australia, Canada, Georgia, Giappone, Montenegro, Marocco, Nuova Zelanda, Ruanda, Serbia, Corea del Sud, Tailandia, Tunisia, Uruguay e Cina. Ma l'UE vuole anche la reciprocità dai paesi, in particolare dalla Cina, a cui si apre. La Cina è ancora chiusa ai viaggi non essenziali dall'Europa ed è improbabile che i paesi dell'UE si aprano ai cittadini cinesi se la Cina non fa lo stesso per gli europei dopo che i governi hanno individuato la reciprocità dalla Cina come essenziale. Questo potrebbe non essere il caso di altri paesi. Ma la reciprocità comincerà immediatamente dalla data di apertura? Idealmente sì, ma le capitali nazionali alla fine hanno l'autorità su quando riapriranno e a chi. L'Irlanda non si trova nell'area Schengen ed è esonerata dalle raccomandazioni. La Danimarca ha uno status speciale che le concede altri sei mesi per attuare le raccomandazioni.

Le differenze nell'apertura potrebbero anche complicare le frontiere interne dell'Europa. Se la Danimarca è chiusa e la Germania è aperta, teoricamente i viaggiatori extracomunitari potrebbero arrivare in Germania e proseguire verso la Danimarca oltre confine. Insomma un bel pasticcio. E che dire degli Stati Uniti e degli altri paesi non presenti nell'elenco? Teoricamente, i viaggiatori provenienti da paesi che non figurano nell'elenco non saranno ammessi. Tuttavia, spetta alle capitali nazionali decidere. Le raccomandazioni dell'UE non sono vincolanti, quindi alla fine i paesi possono aprirsi a qualunque nazione piaccia. Se i paesi si apriranno a paesi del calibro di Stati Uniti, India, Turchia o Egitto, ad esempio, dipenderà dalla serietà con cui prendono in considerazione le raccomandazioni del Consiglio. L'accordo non include il Regno Unito. L’Inghilterra infatti non fa parte dell'accordo di Schengen e può decidere autonomamente quali cittadini far entrare. Fino alla fine del periodo di transizione della Brexit il 31 dicembre, i suoi cittadini sono trattati come cittadini dell'UE e possono viaggiare dove vogliono nell'UE - con restrizioni, inclusa una quarantena di 14 giorni in molti paesi. Il Regno Unito dovrebbe produrre il proprio elenco di paesi sicuri questa settimana e prevede di esentare i viaggiatori in arrivo da quei paesi dalla sua quarantena di 14 giorni.

Ma ad oggi non tutte le frontiere interne dell'UE sono ancora aperte. I paesi nordici sono ancora chiusi in Svezia. Cipro ha restrizioni su alcuni paesi dell'UE tra cui Belgio e Italia. La Finlandia è aperta solo ai paesi baltici e nordici. La Danimarca è chiusa a Svezia e Portogallo. Ma non sarà possibile in effetti poter viaggiare. Almeno non cosi facilmente. Il governo dell'Algeria ha dichiarato che il suo confine sarà chiuso a tutti fino alla fine della crisi COVID-19. "Mentre l'UE sta cercando di aprire le porte a una manciata di paesi, - ha dichiarato il primo ministro neozelandese Jacinda Ardern - mi viene in mente che i neozelandesi che tornano dai viaggi in mare aperto sono stati in primo luogo parte della diffusione del virus in Nuova Zelanda", ha detto. "Penso che sia pericoloso aprire i nostri confini in questo momento". Anche Australia, Uruguay, Giappone e Thailandia hanno ancora divieti di viaggio.

MARGARETH PORPIGLIA

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome