Foto Deposithotos

I cittadini non UE dovranno registrarsi se desiderano viaggiare tra gli Stati membri quando visitano l'Europa, a partire dalla fine del 2022. Cambiano le regole per i viaggiatori dei 60 paesi che sono esentati dalla richiesta di visto per entrare nell'UE. Questi ultimi, infatti, saranno tenuti a registrarsi per viaggiare nella zona Schengen dell'Unione europea entro due anni.

L'accordo di Schengen ha portato all'abolizione dei controlli di frontiera tra i 22 di 27 Stati membri e 4 membri non UE dal 1995. La misura diventerà obbligatoria nel 2023, secondo il Sistema europeo di informazione e autorizzazione ai viaggi (ETIAS). In precedenza, il sistema doveva essere attivato nel 2021. La nuova tempistica dovrebbe "consentire ai viaggiatori e ai controlli di frontiera di adattarsi al nuovo sistema".

Il nuovo sistema si applicherà ai viaggiatori provenienti da paesi come Stati Uniti, Brasile e Canada. I richiedenti saranno controllati per assicurarsi che non rappresentino un rischio per la sicurezza dell'UE. La registrazione costerà circa 7 euro. Le persone sotto i 18 anni non dovranno pagare alcuna tassa per registrarsi.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci qui il tuo nome