Attimi di tensione sul cantiere della Torino-Lione per quello che è stato un violento attacco operato da circa 250 attivisti No Tav. Prima la sassaiola, poi il lancio di petardi e bombe carta verso le forze dell’ordine al cancello del sentiero “Gallo-Romano”, che chiude il cantiere di Chiomonte. Per sedare la rivolta hanno risposto con i lacrimogeni, che hanno sparpagliato i manifestanti per i boschi e i sentieri attorno all’area Clarea. Durante la guerriglia sono rimasti feriti due agenti.